Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Incendio alla Playa, parte della fauna arsa viva dal fuoco 
«Uccelli spaesati cercano nidi bruciati, serve prevenire»

Il sopralluogo degli animalisti sul posto ha messo in luce gravi ripercussioni. Il rogo ha fatto vittime fra gli animali scombussolando l'habitat di diverse specie. «Strano che un parco pubblico bruci e non si possa fare nulla per proteggerlo», afferma Giuseppe Rannisi

Giorgia Lodato

Foto di: Luisa Santangelo

Foto di: Luisa Santangelo

C’era ancora fumo dove sorgeva il campo rom e tante persone che cercavano di recuperare qualcosa tra la cenere durante il sopralluogo della sezione catanese della Lipu (Lega Italiana Protezione Uccelli) a poche ore dal violento incendio che ha devastato parte della Playa di Catania. «C’erano ancora diversi focolai e tanta cenere tra le baracche di chi ha perso tutto», racconta a MeridioNews Giuseppe Rannisi, responsabile Lipu Catania, che si è poi spostato con i colleghi al parco urbano, per constatare i danni a flora e fauna.

«Abbiamo fatto un giro per vedere quale parte era stata danneggiata dall’incendio, perché la nostra preoccupazione riguardava i pini che sorgono vicino al laghetto. È la parte più bella e interessante del boschetto, che fortunatamente non è andata a fuoco». Tutta in fumo, invece, la zona nord del Boschetto della Plaia, che va dal cancello di ingresso in prossimità dei maneggi della polizia fino al torrente Acquicella. E se spesso si pensa alla fauna, non sempre ci si rende conto delle gravi ripercussioni che gli incendi hanno nella vita degli animali stanziati negli ambienti colpiti.

«Oltre al fatto che sono stati distrutti molti eucalipti di grandi dimensioni, pini e tutta la parte arbustiva ed erbacea - spiega Rannisi - molta fauna è stata arsa viva, dai nidi degli uccelli con uova e pulli alle lucertole, dai mammiferi, compresi cani e gatti presenti nel boschetto e che non si sono salvati, ai gongili (conosciuti come tiraciatu) e agli anfibi, per arrivare agli invertebrati che sono il cibo per gran parte degli animali. Abbiamo visto molti colombacci in cerca degli alberi e i loro nidi, facevano avanti e indietro in continuazione, così come molti piccoli uccelli che vivono in mezzo alla vegetazione bassa e ai cespugli e non riuscivano a raccapezzarsi perché è cambiata completamente la geografia della zona».

«Non c’è nulla che possiamo fare purtroppo, ormai i nidi sono andati distrutti – commenta abbattuto Rannisi - c’è da proporre al Comune di adoperarsi il prima possibile per cominciare a ricostruire il boschetto della Plaia. Ci sono state negli anni tante idee progettuali, tanti studi, tante proposte di finanziamento, anche da parte del Comune stesso, e bisognerebbe cercare di ripartire da lì».

Secondo il volontario, sarebbe necessario un intervento per censire le piante morte e quelle che possono sopravvivere, puntare sulla vegetazione autoctona e sulla scelta di specie prevalentemente della macchia mediterranea. Esemplari più resistenti alla mancanza di acqua e che riescono a recuperare anche se c’è il fuoco. Occorre, poi, puntare sugli alberi evitando di trasformare il boschetto in un boschetto di arbusti.

«Se l’incendio è doloso c’è poco da fare per prevenirlo, ma è strano che un parco pubblico vada a fuoco e non si possa fare niente in termini di protezione. Così come è andato a fuoco il parco Gioeni tempo fa o l’aiuola della circonvallazione che ha bruciato per diversi giorni. Probabilmente bisognerebbe fare molta più prevenzione di questi beni, che sono beni nostri».

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Se la Sicilia trema

Tra poche realtà virtuose e molta impreparazione, viaggio nell'isola ad alto rischio sismico

Etna libera

Attività intensa e imprevedibilità. Per queste ragioni la Prefettura di Catania ha imposto delle restrizioni per l'accesso al vulcano attivo più alto d'Europa. Ma in molti tra scienziati, ambientalisti e semplici appassionati chiedono di sospendere queste misure

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere su smartphone e tablet le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.