Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Voti ad Adrano, chiesta la commissione prefettizia
«Indagati ancora in Consiglio come se nulla fosse»

Il Movimento 5 stelle ha presentato un'interrogazione parlamentare al ministro dell'Interno Matteo Salvini. Chiedendo l'invio degli ispettori per verificare l'attività amministrativa. Dietro la presa di posizione l'inchiesta che coinvolge anche due consiglieri comunali

Salvatore Caruso

Una commissione prefettizia per verifiche eventuali infiltrazioni dei clan mafiosi locali all'interno del Comune di Adrano. A chiederla in modo ufficiale è il Movimento 5 stelle, che ha presentato un'interrogazione parlamentare diretta al ministro dell'Interno Matteo Salvini. Ma cosa c'è dietro questa vicenda? Tutto parte dall'inchiesta che ha come protagoniste 14 persone tra cui due consiglieri comunali: Federico Floresta e Maria Grazia Ingrassia. Entrambi eletti, secondo l'accusa, grazia al lavoro di un'associazione a delinquere finalizzata alla corruzione elettorale.

«Se c’è qualcuno che mette in pericolo per la propria condizione soggettiva di indagato, la vita democratica di questa città, crediamo debba immediatamente dimettersi» scrivono in una nota gli attivisti pentastellati di Adrano. I destinatari del messaggio però, almeno per il momento, non avrebbero nessuna intenzione di farsi da parte. Come lo stesso Floresta ha spiegato nelle scorse settimane a MeridioNews. Parlando di una «posizione giudiziaria alleggerita» in merito alla mancata contestazione dell'aggravante mafiosa. Ipotesi che, prima della chiusura delle indagini, era stata contestata dai pm Giuseppe Puleio e Giuseppe Sturiale

A chiedere le dimissioni dei due inquilini del municipio anche Aldo Di Primo. Oggi presidente del Consiglio comunale ma nel 2018 candidato sindaco, con una delle sue liste che vedeva candidati proprio Floresta e Ingrassia. I firmatari dell’interrogazione parlamentare (Mario Giarrusso, Cristiano Anastasi, Antonella Campagna, Cinzia Leone e Fabrizio Trentacoste) sottolineano come i consiglieri comunali «continuino a sedere in Consiglio comunale, come se nulla fosse accaduto, determinando e interferendo nell'andamento delle attività consiliari e amministrative, con gravissimo scandalo e nocumento per l’immagine del Comune e dello Stato»

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Se la Sicilia trema

Tra poche realtà virtuose e molta impreparazione, viaggio nell'isola ad alto rischio sismico

Etna libera

Attività intensa e imprevedibilità. Per queste ragioni la Prefettura di Catania ha imposto delle restrizioni per l'accesso al vulcano attivo più alto d'Europa. Ma in molti tra scienziati, ambientalisti e semplici appassionati chiedono di sospendere queste misure

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere su smartphone e tablet le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.