Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Forza Italia sparisce dal Consiglio comunale di Catania
Falcone commissario affila le unghie e ritira il simbolo

Il leader forzista etneo pare deciso a passare all'azione e a contrattaccare, dopo la convention meloniana. «Il coordinamento diffida i consiglieri dall'usare il simbolo», si legge in una nota per il presidente Giuseppe Castiglione. E ci sarebbero già pronti nuovi ingressi

Luisa Santangelo

È sempre una questione di azioni e reazioni. Se i reduci forzisti in Consiglio comunale di Catania applaudono l'addio a FI e l'ingresso del sindaco Salvo Pogliese e dei suoi in Fratelli d'Italia, allora Forza Italia affila le unghie e smette di restare a guardare. C'è una pec che lunedì mattina, all'apertura degli uffici a Palazzo degli elefanti, darà da lavorare al presidente del Consiglio Giuseppe Castiglione. Il mittente è l'assessore regionale alle Infrastrutture Marco Falcone, nominato commissario provinciale di FI dopo la dipartita di pogliesiani e compagnia: «Abbiamo comunicato stamane lo scioglimento del gruppo consiliare di Forza Italia al Comune di Catania - dice Falcone in una nota inviata ai giornalisti - Già da diverso tempo, infatti, avevo invitato alle dimissioni dal gruppo i consiglieri comunali che avevano assunto posizioni divergenti dal partito».

Loro, però, almeno fino a oggi avevano finto di non sentire. Così il capogruppo Santi Bosco - che ad aprile aveva dichiarato a MeridioNews di essere intenzionato a lasciare Forza Italia - era rimasto in realtà al suo posto. Risparmiando così anche al consigliere Angelo Scuderi, un tempo consigliere di quartiere del Pdl, la necessità di prendere una decisione rispetto a dove collocarsi. Dario Grasso, firrarelliano e vicino al wannabe assessore Massimo Pesce, si sarebbe fatto trascinare dalla corrente. Da Bosco in giù, di fatto, non è successo nulla: Forza Italia è rimasto lì e Pesce è rimasto il nome ventilato per un nuovo assessorato, in virtù della «lealtà» politica che il primo cittadino Pogliese non manca di ricordare quale sua principale qualità

Ma con tutto quello che è successo, nel frattempo, fuori dall'aula consiliare, questo immobilismo a Palazzo degli elefanti sembrava innaturale. A renderlo palese, lanciando una stoccata inaspettata - considerando l'aplomb che lo contraddistingue - è stato Marco Falcone. «Il coordinamento provinciale di Forza Italia ha stabilito il ritiro del simbolo - dichiara il commissario forzista - diffidando i consiglieri, inoltre, dall'utilizzo della denominazione del partito per qualsiasi iniziativa politica nel civico consesso». In altri termini: FI sparisce. Forse soltanto temporaneamente. «Solo nel momento in cui creeremo nuove condizioni politiche - è l'apertura contenuta nella nota - verrà ricostituito un nuovo raggruppamento azzurro». Il riferimento, lontano dall'essere velato, è a chi il profumo di una Forza Italia senza Pogliese lo aveva apprezzato già mesi fa, ai tempi delle elezioni europee.

Qualcuno ricorderà, probabilmente, quell'incontro elettorale a sostegno dell'eurodeputato forzista Giuseppe Milazzo organizzato dagli animatori del gruppo consiliare neo-costituito Insieme si può. Assieme al nome del candidato forzista al Parlamento europeo era spuntato quello di Salvo Di Salvo, ex Mpa, ex assessore di Enzo Bianco, ex candidato al consiglio comunale con il centrosinistra e, poi, ex componente dell'opposizione. Nello stesso gruppo, ci sono anche l'ex FI Giovanni Petralia (fuoriuscito in polemica col primo cittadino) e l'ex pogliesiano Agatino Giusti. Sulla carta, insomma, le possibilità che qualcun altro indossi la casacca azzurra ci sono. E a questi nomi potrebbero aggiungersi quelli di altri rivoltosi eletti nella maggioranza. La fuga di Pogliese colma spazi a destra e li libera nel centrodestra. La controffensiva sui meloniani comincia oggi fuori dal palazzo. E forse anche dentro. Per dirla in tre parole: azioni e reazioni.

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Se la Sicilia trema

Tra poche realtà virtuose e molta impreparazione, viaggio nell'isola ad alto rischio sismico

Etna libera

Attività intensa e imprevedibilità. Per queste ragioni la Prefettura di Catania ha imposto delle restrizioni per l'accesso al vulcano attivo più alto d'Europa. Ma in molti tra scienziati, ambientalisti e semplici appassionati chiedono di sospendere queste misure

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere su smartphone e tablet le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.