Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Telejato, rogo doloso distrugge il ripetitore
Pino Maniaci: «Sono riusciti a fermarci»

A quattro giorni dall'inaugurazione della nuova sede e dall'apertura delle trasmissioni alle province di Agrigento, Palermo e Trapani, un incendio di origine dolosa ha compromesso seriamente la postazione di Telejato sul monte Bonifato. «Stiamo provando a salvare il salvabile, ma non sappiamo quando potremo ripartire», spiega Maniaci che ha già sporto denuncia

Carmen Valisano

«Mi veni i chianciri». E' un Pino Maniaci insolitamente abbattuto quello che annuncia l'incendio doloso alla postazione di Telejato. A quattro giorni dall'inaugurazione della nuova sede e dall'allargamento delle trasmissioni verso le province di Trapani, Palermo e Agrigento, il rogo ha provocato gravi danni al ripetitore dell'emittente antimafia di Partinico, in provincia di Palermo. Un incendio giudicato da subito doloso, visto che le uniche strutture danneggiate sono quelle appartenenti proprio a Telejato. «C'erano due focolai, uno proprio sulla nostra postazione, e lì non c'è vegetazione. La porta è completamente distrutta dalle fiamme. Non ci sono dubbi».

I danni della postazione di monte Bonifato, la montagna in provincia di Trapani che ospita gli impianti per la trasmissione del segnale del digitale terrestre, ammontano a 25mila euro. «Il tecnico sta provando a salvare il salvabile, ma non sappiamo quando possiamo ripartire», spiega Maniaci che ha già sporto denuncia.

«Giovedì faremo l'inaugurazione della nuova sede con Antonio Ingroia, Piergiorgio Morosini, Francesco Del Bene... e mi fanno questo scherzetto qua?», si chiede. «La faremo lo stesso - garantisce - ma ho sessant'anni e mi viene da urlare, ghittari uci». Le trasmissioni di quella che diventerà Telepartinico sono quindi al momento in forse.

Pino Maniaci e i suoi sostenitori, oltre alle continue intimidazioni, avevano dovuto lottare fino allo scorso giugno anche contro lo Stato per l'assegnazione delle frequenze del digitale terrestre. Il passaggio alla nuova tecnologia di trasmissione dell’emittente a conduzione familiare non era affatto scontato, in quanto è stato molto difficile per le tv comunitarie senza fini di lucro avere tutti i requisiti per piazzarsi in graduatoria. Ma adesso, dopo una lunga estate passata a prepararsi per il debutto di giovedì, l'amarezza è inevitabile. «Sono riusciti a fermarci».

 

[Foto di Sebastiano Gulisano]

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Combine Catania

Dall'arresto dei vertici della squadra rossazzura alla reazione dei tifosi e della città

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×