Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Acqua pubblica, Forum catanese in piazza
«Il Comune calpesta l'esito del referendum»

Stamani conferenza stampa degli attivisti in piazza Duomo a Catania contro la proposta della giunta Stancanelli di privatizzare alcune società partecipate che gestiscono importanti servizi pubblici. «Il secondo quesito diceva no alla proposta di trarre profitto dalla gestione dell'acqua. Che interesse avrebbe un privato a gestire la Sidra senza trarne guadagni?». Situazione a rischio anche per i lavoratori della Multiservizi. Mentre si annunciano nuove proteste. Guarda il video

Salvo Catalano

[youtube

«Signor sindaco, si ricordi che non si vota solo per le elezioni, anche il referendum rappresenta una scelta dei cittadini, che voi state calpestando». Per gli attivisti del Forum catanese acqua bene comune è arrivato il momento di scendere di nuovo in piazza per difendere il diritto all’acqua come risorsa pubblica. Lo hanno fatto stamani con una conferenza stampa in piazza Duomo a Catania. Una risposta al piano di dismissioni delle società partecipate approvato dalla giunta guidata dal sindaco Raffaele Stancanelli e in attesa di essere discusso in consiglio comunale.

Tra i servizi pubblici che verranno in parte privatizzati figurano il trasporto con la società Amt, il gas con l’Asec e i parcheggi con Sostare. Ma soprattutto l’amministrazione ha deciso di disfarsi del 49 per cento della Sidra, la società che si occupa di risorse idriche. «Una proposta che calpesta lo spirito referendario – spiega Sara Giorlando, avvocato del Forum – perché il secondo quesito abrogava il principio della remunerazione del capitale investito e quindi diceva chiaramente no al profitto. Che interesse avrebbe un privato a gestire la Sidra senza trarne guadagno?». Gli attivisti, armati di striscione e volantini, hanno cercato di informare i cittadini, a dir la verità poco interessati, di passaggio in piazza Duomo. Ma promettono che quello di stamattina è solo l’inizio.

«Perché se i privati hanno interesse a guadagnare non potrebbe farlo anche il Comune? – chiede Danilo Pulvirenti – la verità è che quest’amministrazione non ha idee, quindi dovrebbe andarsene a casa e fare posto ad altri». Se, come spiegato dal docente Roberto Cellini, i Comuni non hanno nessun obbligo di legge di cedere le partecipate, ma sono pur sempre liberi di farlo, secondo gli attivisti questa facoltà discrezionale non scatterebbe per i servizi idrici. «Lo spirito del referendum è chiaro – sottolinea Giorlando – l’acqua non è un bene che può essere sottoposto a profitto, ma va gestito dal pubblico, con modalità quanto più partecipate. Sia il referendum sia le sentenze della Corte Costituzionale, inoltre, dicono chiaramente che l’obbligo di privatizzare è incostituzionale per tutti i servizi pubblici».

Matteo Iannitti, presente stamani in rappresentanza di Rifondazione Comunista, da sempre a fianco del Forum senza bandiere di partito, sottolinea invece i rischi per i lavoratori delle partecipate, in particolare quelli della Multiservizi. «Il Comune cederà il 100 per cento della società – spiega – quindi i dipendenti potrebbero trovarsi dall’oggi al domani in mezzo alla strada, ed è bene ricordare che nella Multiservizi sono finiti lavoratori vittime di tante crisi aziendali». Per non parlare dei possibili disagi ai cittadini. «L’Amt – conclude Iannitti – potrebbe fare la fine della Tirrenia. Una volta lasciata la gestione operativa ad un privato, questo potrebbe scegliere di mantenere solo le tratte più redditizie, così i catanesi direbbero addio ai turni notturni o ai collegamenti con le periferie».

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Combine Catania

Dall'arresto dei vertici della squadra rossazzura alla reazione dei tifosi e della città

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×