Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

La scalata dell'Etna sulla carrozzina fuoristrada
La turista: «Mi sentivo alla conquista di Marte»

La sedia monoruota fuoristrada con due maniglie davanti e due dietro «è in dotazione all'ente Parco da dicembre», spiega a MeridioNews la guida Franco Emmi. «Sono entrata in un cratere e ho sentito il calore delle fumarole», racconta la turista. Guarda le foto

Marta Silvestre

«Mi sembrava di essere alla conquista di Marte, ma ero sull'Etna». A parlare a MeridioNews è Anna De Fabiani, 40enne della Val Sesia in provincia di Vercelli (in Piemonte) che ha scalato 'a Muntagna a bordo di una joëlette. Una carrozzina monoruota da fuoristrada che, oltre alla seduta, ha due maniglie dietro per spingere e due davanti per tirare. Una novità per le escursioni sul vulcano etneo. «È in dotazione all'ente Parco dallo scorso dicembre», spiega la guida alpina del Parco dell'Etna Franco Emmi. È stato lui, insieme al collega Sebastiano Russo, a tirare e spingere la carrozzina fino a oltre 2.900 metri di altezza. 

«Avevo già programmato una vacanza nella parte orientale della Sicilia con il mio fidanzato - racconta la turista - ma il mio più grande desiderio era fare un'escursione vera sul vulcano». Così, dopo avere dato un'occhiata su internet per capire il livello di accessibilità, ha preso contatti con le guide. «Con mia grande gioia e sorpresa mi hanno detto di avere a disposizione una joëlette». L'appuntamento viene fissato alle 8.30 del 20 giugno. 

«L'Etna era tutta per noi. Ci siamo incontrati al rifugio Sapienza dove, con la jeep dell’Ente, siamo saliti a 2.900 metri - dice - Lì le guide hanno montato la carrozzina e abbiamo iniziato il giro tra i crateri del 2002. Sono anche entrata dentro uno di questi e ho sentito il calore delle fumarole, in una frattura ancora attiva. Siamo passati anche tra il cratere del 2001 - continua Anna - e la sella chiamata Montagnola, un vulcano spento dove c'è ancora la neve. Dall'alto ho potuto ammirare la Valle del Bove con tutte le sue meravigliose tonalità di nero e di grigio e il panorama mozzafiato della muntagna - prova a dire in siciliano con uno spiccato accento piemontese - che si tuffa al mare».

Un percorso di circa tre ore tra jeep e joëlette. «La carrozzina è stata acquistata dalla ditta vitivinicola di Diego Cusumano con il ricavato di un progetto in cui erano stati venduti dei quadri di un pittore locale - spiega Franco Emmi - In passato ci è capitato soprattutto di scolaresche in cui i bambini disabili non potevano partecipare pienamente alle escursioni e, qualche volta, abbiamo anche scelto di tirarci a fatica le sedie a rotelle pur di non privarli dell'esperienza». 

Adesso, per chiunque voglia fare un'escursione è possibile richiedere l'utilizzo della carrozzella, da aprile a settembre, «se sono dei privati - precisa la guida - ci assicuriamo che sappiano usarla altrimenti offriamo anche la nostra assistenza per l'accompagnamento». Un importante passo avanti verso l'accessibilità sull'Isola. «Siamo soddisfatti di questa nuova modalità di fruizione che rende le escursioni sull'Etna possibili anche a persone con importanti disabilità fisiche - sottolinea Bernadette Lo Bianco, presidente dell'associazione Sicilia turismo per tuttiTanto è stato fatto e tanto resta ancora da fare per rendere i luoghi pienamente accessibili».

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Combine Catania

Dall'arresto dei vertici della squadra rossazzura alla reazione dei tifosi e della città

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews