Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Aeroporto di Comiso, pronta la convenzione
«Apertura entro 180 giorni dalla firma»

Qualcosa si muove per lo scalo ragusano pronto da cinque anni ma rimasto chiuso al traffico aereo. L'Enav ha inviato la bozza di convenzione utile a garantire per due anni i servizi di assistenza al volo. «Grazie alla sinergia che è scattata con il nuovo Cda di Sac, socio di maggioranza, saremo in grado entro i 180 giorni stabiliti dalla convenzione di consentirne l’apertura», dichiara il presidente della società di gestione Soaco

Agata Pasqualino

L'odissea del piccolo scalo ragusano, costato 40 milioni di euro, pronto da cinque anni ma mai aperto, sembra avviarsi verso la conclusione. L'Enav, Ente nazionale di Assistenza al volo, ha inviato la bozza di convenzione al Comune di Comiso utile a garantire per due anni i servizi di assistenza al volo all'aeroporto, che dovrà essere firmata dai due enti e dalla Soaco, società di gestione aeroportuale. Nei prossimi giorni il documento sarà preso in esame dal Cda della società per deliberarne e autorizzarne la sottoscrizione. «In attesa che si perfezionasse questo ultimo e strategico passaggio burocratico, la Soaco ha comunque portato avanti tutto l’iter propedeutico allo start-up dello scalo. Saremo in grado entro i 180 giorni stabiliti dalla convenzione di consentirne l’apertura», dichiara il presidente Rosario Dibennardo.

Ma restano i dubbi che tutto possa non filare liscio, dato che i problemi burocratici hanno bloccato l'operatività dello scalo per cinque anni. L'ultimo era il mancato accordo tra Enac ed Enav, ente che regola il traffico aereo, su chi dovesse pagare i controllori di volo. Adesso, dopo l'intervento del ministero dell'Economia, il problema sembra superato. Resta però in piedi l'ipotesi che l'apertura sia stata ostacolata dalla Sac, società che gestisce l’aerostazione catanese di Fontanarossa e socio di maggioranza della Soaco. «Catania ha paura che la piccola Comiso gli rubi traffico aereo, e quindi, tramite la sua quota nella società che controlla lo scalo di Comiso, ostacola l’apertura», hanno scritto gli esperti Andrea Giuricin e Luciano Lavecchia. Analisi che sembra essere confermata dalle recenti indagini della procura di Ragusa sulle presunte modalità illecite con cui la Sac ha ottenuto la maggioranza delle quote per la gestione dello scalo a Sud dell’isola.

Adesso però le cose sembrano cambiate. «L’impegno è arduo – ha dichiarato Dibennardo riguardo all'apertura entro i 180 giorni dalla convenzione - ma grazie alla sinergia che è scattata fra Soaco e il nuovo Cda di Sac siamo certi che arriveremo puntuali alla scadenza». E il presidente della società catanese, Peppino Giannone, e l’amministratore delegato Nico Torrisi dichiarano che garantiranno «il pieno supporto di Sac, in termini di know-how, professionalità e competenze collaudate per consentire a Soaco di rispettare il crono programma di sei mesi previsto dalla convenzione».

Se così fosse e se si riuscisce finalmente a dare vita all'aeroporto del piccolo Comune in provincia di Ragusa, potrebbero essere tanti i vantaggi per i viaggiatori dell'isola, soprattutto per quelli etnei che avrebbero più alternative e offerte, come ora succede ai palermitani grazie al vicino scalo di Trapani. Diverse compagnie low cost, infatti, si sono dette interessate ad investire nello scalo per sviluppare il traffico dei turisti da e verso la Sicilia. Tra queste la low cost irlandese Ryanair che vorrebbe rendere il piccolo aeroporto del Sud dell’isola una delle sue nuove cinque basi italiane, insieme a Catania.

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Combine Catania

Dall'arresto dei vertici della squadra rossazzura alla reazione dei tifosi e della città

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×