Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Sparisce FI, in Consiglio comunale spunta MuovitItalia
«Scioglimento del gruppo? È stata una caduta di stile»

Santi Bosco, Maria Grazia Rotella e Angelo Scuderi hanno costituito oggi una nuova compagine consiliare. L’ex capogruppo di Forza Italia diventa il vertice dell’aggregazione neo-costituita e lancia «un saluto deferente» a Giorgia Meloni

Luisa Santangelo

Foto di: Luisa Santangelo

Foto di: Luisa Santangelo

Una dichiarazione d’amore per Giorgia Meloni. Un’attestazione di fedeltà a Salvo Pogliese. Una frecciatina diretta a Marco Falcone. C’è tutto questo nel discorso con il quale il consigliere Santi Bosco annuncia la creazione del nuovo gruppo MuovitItalia Catania in senato cittadino. Dopo la nota del commissario provinciale di Forza Italia Marco Falcone non si poteva più fare finta di niente. Il messaggio indirizzato al presidente del Consiglio comunale dall’assessore regionale forzista parlava chiaro: nessuno a Palazzo degli elefanti può più usare il nome di Forza Italia.

Così, per continuare con il ritornello di azioni e reazioni, oggi pomeriggio Santi Bosco, Maria Grazia Rotella e Angelo Scuderi hanno inviato una nota ufficiale con la costituzione del nuovo gruppo. Fuori è rimasto l’unico forzista in aula consiliare che vuole continuare a sventolare la bandiera del presidente Silvio Berlusconi: Dario Grasso, firrarelliano, temporaneamente transita al gruppo misto, «nell’attesa - dice lui - di più ampi ragionamenti a livello di partito». Sembra, però, che ci siano state interlocuzioni con il gruppo Insieme si può dell'ex assessore e adesso consigliere Salvo Di Salvo

Bosco, Rotella e Scuderi, invece, i loro ragionamenti li hanno già fatti. «Annunciamo inoltre la nostra adesione convinta al partito Fratelli d’Italia», afferma Bosco in aula, parlando da neo-nominato capogruppo. Ruolo che già rivestiva quando il gruppo di Forza Italia ancora esisteva. «Noi ci ispiriamo al laboratorio di idee e valori di centrodestra del sindaco Salvo Pogliese». Perché MuovitItalia prima di essere un gruppo consiliare è, innanzitutto, da sempre, la convention dei pogliesiani. È stato il rifugio in cui chiudersi dopo che lo strappo con Forza Italia e con l’onnipresente commissario regionale Gianfranco Micciché si è consumato. Nel frattempo, a cascata, tocca anche ad altri gruppi consiliari organizzarsi. In campo con Pogliese contava giusto tre componenti: Maria Grazia Rotella, Paola Parisi e Carmelo Nicotra. Saltata Rotella, con due soli consiglieri comunali un gruppo non può esistere. Così Andrea Barresi li aiuta a evitare lo scioglimento e torna a casa, dopo i mesi passati ad animare il gruppo misto da oppositore interno della maggioranza

«Questo gruppo conferma l’adesione al progetto amministrativo del sindaco, dottor Salvo Pogliese», aggiunge Bosco, prima di rivolgere un «saluto deferente a Giorgia Meloni». Meno deferenza, invece, è diretta al commissario di FI Marco Falcone. «Dal punto di vista tecnico non so quanto lo scioglimento del gruppo consiliare fosse possibile», afferma il capogruppo di MuovitItalia. Del resto, ricorda, «i voti li abbiamo portati noi». E quella lettera falconiana alla presidenza del Consiglio comunale è stata, per Bosco, «una vera caduta di stile».

Anche perché lui e gli altri colleghi, sostiene il consigliere, avevano scelto di restare nel gruppo «per evitare contraccolpi elettorali al partito sotto le elezioni e per responsabilità nei confronti della città, che sta aspettando ancora i 32 milioni di euro promessi dalla Regione». In altri termini: che brutta figura avrebbe fatto Forza Italia a perdere il gruppo in Consiglio comunale prima delle Europee. Sebbene siano state proprio le candidature per le elezioni verso Bruxelles a segnare la dipartita non di un semplice consigliere, ma del primo cittadino. «Ci aspettavamo più rispetto dal partito nazionale», chiosa Angelo Scuderi. «Mi chiamano il consigliere operaio - spiega a MeridioNews - E anche con il nuovo gruppo confermo il mio impegno per le periferie».

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

Combine Catania

Dall'arresto dei vertici della squadra rossazzura alla reazione dei tifosi e della città

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere su smartphone e tablet le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews