Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Sequestrato il Maeva beach: non aveva concessioni
Attività non autorizzata e arretrati per 70mila euro

La stagione balneare del lido di viale Kennedy sembra non volere decollare. Dopo l'incendio che lo ha devastato assieme a buona parte della Playa, arrivano i controlli della guardia costiera. I sigilli sono stati apposti all'alba di oggi

Luisa Santangelo

Gli acquascivoli, le piscine, il miniclub e pure la discoteca notturna. Senza contare cabine, sdraio e ombrelloni. Tutto, secondo gli investigatori, senza alcuna autorizzazione. I guai per il lido Maeva beach di viale Kennedy, alla Playa di Catania, non sono finiti con l'incendio che ne ha distrutto la metà. All'alba di oggi gli uomini della guardia costiera di Catania sono andati a metterci i sigilli: i 19mila metri quadrati sono stati sequestrati.

Un controllo dopo l'altro - a partire dall'inizio della stagione balneare, a maggio - è emerso che la storica struttura, situata in area demaniale marittima ricadente nell'ambito dell'Autorità portuale, era stata affidata dal 2015 a un curatore giudiziario. Il professionista, però, nel tempo aveva ceduto a una società la gestione di un ramo d'azienda. Ma senza che venisse loro rilasciata la concessione demaniale marittima. Tutte le persone coinvolte sono state denunciate all'autorità giudiziaria. L'ente portuale, inoltre, vanterebbe un credito dal Maeva beach di circa 70mila euro.

Sempre stamattina, il personale della capitaneria di Porto si è spostato nella zona di Cannizzaro, frazione del Comune di Aci Castello. Lì a finire nel mirino delle forze dell'ordine è stato lo Zeus hotel, accusato di essersi appropriato abusivamente di una parte di scogliera, dove si stava realizzando una passerella a mare senza autorizzazione. «Alterando così le bellezze dei luoghi», si legge nel comunicato diffuso alla stampa. Anche in questo caso, i titolari della struttura sono stati segnalati all'autorità giudiziaria, che ha convalidato il sequestro dell'area a mare.

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

Combine Catania

Dall'arresto dei vertici della squadra rossazzura alla reazione dei tifosi e della città

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere su smartphone e tablet le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews