Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Barresi saluta il misto e rientra con Pogliese
Sarà assessore? «Non torno per la poltrona»

L'ex lombardiano compie una retromarcia provvidenziale per il gruppo consiliare della sua lista d'elezione, In campo con Pogliese. Il suo rientro dopo quasi un anno da ribelle salva la sigla e fa crescere i rumors che lo inseriscono fra gli aspiranti ad un posto in giunta

Dario De Luca

Da un lato c'è un sindaco «felicissimo» e, dall'altro, un consigliere comunale che sottolinea di non essersi mai «allontanato dalle posizioni dell'amministrazione». Il ritorno «a casa» di Andrea Barresi si consuma a quasi un anno di distanza da quello che, almeno all'epoca dei fatti, sembrava uno strappo insanabile. L'ex consigliere di Grande Catania, rieletto con la lista In campo con Pogliese, aveva raccolto 1854 preferenze risultando il candidato più votato del centrodestra. Nemmeno tre mesi dopo le elezioni, ecco consumarsi il passaggio al gruppo misto. Complice qualche mal di pancia abbastanza palese. Il suo nome era infatti tra quelli in lizza per lo scranno di presidente del Consiglio, ruolo poi andato al lombardiano Giuseppe Castiglione.

Dopo il transito al Misto, Barresi non aveva evitato di assumere posizioni critiche nei riguardi dell'amministrazione del sindaco Salvo Pogliese. Talvolta anche facendo mancare il proprio voto alla maggioranza. Nel frattempo il gruppo In campo, orfano dell'ex autonomista, è rimasto in vita grazie al «prestito» della consigliera eletta in Forza Italia Daniela Rotella. Che si è aggiunta a Paola Parisi e Carmelo Nicotra. Il resto degli scossoni li ha provocati il venir meno del gruppo FI, sparito dal Consiglio con la conseguente creazione da parte di Santi Bosco e Angelo Scuderi della nuova formazione MuovitItalia. Li ha seguiti ieri anche Rotella, fedelissima di Scuderi, consentendo così con il suo passaggio di raggiungere il numero di tre consiglieri obbligatorio per la formazione di un gruppo. A quel punto, però, era il gruppo In Campo a non poter più stare in piedi, contando sui soli Nicotra e Parisi. Ecco allora la retromarcia di Barresi a salvare gli equilibri. 

«Pur essendo stato al Misto - sottolinea il consigliere a MeridioNews - ho pienamente condiviso il percorso dell'amministrazione». Solo due i casi, sottolinea Barresi, in cui ha spostato la sua asticella dall'area politica del sindaco. «Per il voto della Tari - spiega - a cui si è allineata anche Parisi. Perché non abbiamo condiviso la velocità con cui il provvedimento è stato portato in aula. E poi sulla tassa di soggiorno, che non ho votato in prima battuta ma ottenendo l'approvazione di un emendamento che ha incrementato gli introiti». Ma come ha reagito il sindaco? «È molto felice perché da un anno questa cosa era rimasta nell'aria». Adesso che il suo rientro nei ranghi si è consumato, radio Consiglio vedrebbe Barresi in corsa per un posto da assessore. Due nomine, come ha sottolineato lo stesso Pogliese, dovrebbero arrivare a breve in virtù dell'allargamento della giunta votato dalla Regione. «Non ho idea di queste cose - precisa Barresi - e non ho mai annunciato un mio ingresso in giunta. Il mio rientro nel gruppo non è ancorato a logiche di spartizione o poltrone». 

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

Combine Catania

Dall'arresto dei vertici della squadra rossazzura alla reazione dei tifosi e della città

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere su smartphone e tablet le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews