Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

#EleSicilia35, triste spettacolo dei candidati
Classe politica lontana dai nuovi media

Il nostro esperto di analisi politica ha seguito online il dibattito elettorale organizzato da giovani professionisti. Un evento che sottolinea ancora una volta come la Sicilia sia un laboratorio, ma che mette in evidenza quanto i cittadini siano avanti - e di molto - rispetto alla politica. «Certo, non è solo un dibattito che può dare l’indicazione di voto agli elettori - afferma Mario Grasso - ma lo spettacolo a cui hanno assistito ieri i presenti è stato davvero triste»

Mario Grasso

Ho sentito diverse emozioni ieri sera al termine di #EleSicilia35, l’evento organizzato a Catania da una redazione di under 35 con la partecipazione di alcuni candidati all'Assemblea Regionale Siciliana in vista delle prossime elezioni del 28 ottobre 2012. Tante domande, tanti spunti di riflessione, un dibattito a volte acceso ma molta confusione. Se dovessi scegliere un candidato (o soltanto una coalizione) da un dibattito come quello di ieri sera non saprei davvero cosa segnare sulla mia scheda elettorale. Certo, non è solo un dibattito che può dare l’indicazione di voto agli elettori ma lo spettacolo a cui hanno assistito ieri i presenti (on line e off line) è stato davvero triste. Sia i candidati big (Nino D’Asero, Claudio Fava, Salvo Fleres e Marco Forzese) che i giovani (Gianluca Cannavò, Costanza Castello, Tommaso Currò e Antonio Tomarchio) hanno dimostrato ancora una volta come serva qualcosa di più che i soliti annunci, il politichese o la polemica da pollaio.

Sorge una certa inquietudine quando a domande più o meno precise vengono fatti i soliti giri di parole, stupendi voli pindarici e mai una proposta ben precisa, una visione del futuro concreta. Anche quando tra i giovani candidati c’è stato qualche scatto d’orgoglio che sembrava dare davvero una risposta alle perplessità di un dibattito stucchevole, subito si è rientrati nei cardini di un linguaggio scontato e logorante.

Spunta l’angoscia quando si assiste a un teatrino inadatto ai tempi veloci richiesti dal dibattito e dallo scambio di opinioni istantaneo tra gli utenti Twitter. Sale la disperazione quando ai tweet segnalati dai conduttori, si è riscontrato un certo disagio dei candidati (in particolar modo i senior). Risatine nervose e commenti ironici che evidenziano ancora l’inadeguatezza di una classe dirigente lontana dalle logiche dei nuovi media. Di persone che non sono entrate ancora a pieno nei meccanismi dei social network fatti di ascolto e interazione. Ma tant'è. Per non parlare della partecipazione dei candidati. Il Pd, dopo il forfait del giovane Anthony Barbagallo (saltato da poco sul carro democratico, dopo l’esperienza Mpa) non è riuscito a proporre un proprio rappresentante per il dibattito, Forzese è andato via prima del previsto. La scusa: incontri importanti a cui non potevano sottrarsi.

Al di là delle considerazioni suddette, si può confermare come i cittadini siano avanti rispetto ai tempi della politica. È ancora più importante se questo segnale parte dalla Sicilia. Se è vero il detto che attesta all'isola l'appellativo di «laboratorio politico italiano», è vero anche che un gruppo di giovani ha dimostrato con #EleSicilia35 di stare al passo coi tempi. Con tutti i limiti organizzativi del caso, ha dimostrato di aver a cuore il destino politico della propria regione. La strada è lunga e in salita. La partecipazione politica deve andare oltre la campagna elettorale per raccogliere qualche frutto dolce e maturo. Fatta la semina, bisogna averne cura giorno dopo giorno se si vuole assistere alla crescita di una nuova piantagione politica forte e duratura per la nostra terra siciliana.

[Foto di Pretty Hate Machine]

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore RMB s.r.l.
Riproduzione riservata

Covid, quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Elezioni comunali 2022 in Sicilia

Tutti gli aggiornamenti, le interviste e le analisi del voto per le elezioni comunali 2022 in Sicilia. 

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Elezioni comunali 2021 in Sicilia

Il 10 e 11 ottobre e il 24 e 25 ottobre 2021 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×