Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

La Regione dismette i beni demaniali sul mare
Bando pubblico per edifici a Riposto e a Mascali

Due ruderi che degradano la spiaggia di Sant'Anna e gli ex uffici dell'Agenzia delle dogane al porto ripostese. Sono le quattro strutture ubicate nel Catanese che l'assessorato al Territorio intende affidare attraverso delle concessioni. Guarda le foto

Redazione

Due immobili vanno praticamente abbattuti, altri due sarebbero in buone condizioni. Tutti e quattro sembrano essere davvero appetibili per il mercato soprattutto per la loro invidiabile posizione. L'assessorato regionale al Territorio ha messo a bando la concessione di 27 immobili situati sul demanio marittimo della Regione Siciliana, dalle province di Messina ad Agrigento passando per Trapani e Palermo. Per quanto riguarda la provincia di Catania, le potenziali attenzioni di imprenditori e addetti ai lavori potranno concentrarsi tutte nel tratto di mare fra il porto di Riposto e la spiaggia di Sant'Anna, nel Comune di Mascali.

Rudere a Sant'Anna di Mascali

Ex Agenzia Dogane, porto di Riposto

Ex Agenzia Dogane, porto di Riposto

Rudere a Sant'Anna di Mascali

Ci sarà tempo fino al prossimo 4 novembre per presentare offerte per aggiudicarsi i due vecchi uffici dell'Agenzia delle dogane, ubicati all'ingresso del molo foraneo ripostese. Il primo fabbricato, realizzato in muratura, si estende per 68 metri quadrati; il secondo per 90 metri quadrati e si affaccia sul bacino portuale riservato alle attività dei pescherecci. Le concessioni, secondo quanto studiato dalla Regione, si baseranno su un canone annuo che, nel caso di Riposto, prevede rispettivamente una base d'asta di 1.997 euro e 3.294 euro. Gli interventi di recupero, ristrutturazione e riqualificazione degli edifici sono a carico del concessionario. La durata dell'affidamento sarà rapportata all'entità dell'investimento proposto dagli interessati, da un minimo di sei a un massimo di cinquant'anni. 

Per quanto riguarda Mascali, invece, sul mercato finiscono di fatto due ruderi che però si trovano in posizione assai strategica, a un passo dal mare ma anche collegati alla via Spiaggia, il lungomare fra Riposto e Fondachello. Il primo edificio, con due piani, si estende per 192 metri quadrati e può contare anche su 100 metri quadrati di terreno annesso. Più piccola la seconda struttura (110 metri quadrati più 85 di area scoperta), in pessime condizioni e oggetto di una ordinanza di demolizione emessa dalla Capitaneria di porto di Catania. Il canone a base d'asta nel primo caso è di circa 15mila euro, nel secondo di 4.499 euro. 

Assai ampio il ventaglio delle attività realizzabili contemplato dal bando: dalla gestione di lidi, a bar e ristoranti, fino ad attività legate alla nautica, ai ripari e ricoveri di imbarcazioni ed esercizi diretti alla promozione e al commercio del turismo, dell’artigianato, dello sport e delle attrezzature nautiche e marittime.

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

Combine Catania

Dall'arresto dei vertici della squadra rossazzura alla reazione dei tifosi e della città

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere su smartphone e tablet le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews