Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Amt, lavoratori protestano per stipendio e contratto
Bellavia: «I ritardi sono dovuti a tre diversi fattori»

Come chiesto dai sindacati, domani ci sarà un incontro con il sindaco e con il presidente della società partecipata del Comune di Catania. «Blocco piattaforma Mise, bilancio riequilibrato e ritardo del contributo della Regione», spiega Giacomo Bellavia

Marta Silvestre

Nessuna proroga del contratto e dipendenti senza stipendio e quattordicesima. Sono queste le ragioni per cui, questa mattina, i lavoratori dell'Azienda metropolitana trasporti di Catania hanno manifestato con un sit-in in piazza Duomo, davanti al Palazzo degli elefanti. «Vogliamo chiarezza sul futuro della partecipata - dicono i lavoratori allarmati - perché altrimenti da giorno 1 agosto si rischia che il servizio in città venga bloccato, tra l'altro in un particolare momento di grande afflusso turistico». Rassicurazioni in merito arrivano dal presidente dell'Amt Giacomo Bellavia: «Solo da oggi siamo in ritardo con il pagamento del mese di luglio e - spiega a MeridioNews - a determinare questo ritardo sono stati tre fattori tecnici».

Le sigle sindacali di categoria - Filt Cgil, Fit Cisl, Uil trasporti e Ugl trasporti autoferrotranvieri - hanno chiesto un incontro con il sindaco Salvo Pogliese. «Ci hanno assicurato che, già domani in mattinata, avremo un confronto con il primo cittadino e con il presidente dell'Amt - conferma Giuseppe Scannella della Ugl - In base alle risposte che ci daranno, decideremo come e se andare avanti. Non abbiamo ricevuto il pagamento dello stipendio di questo mese - lamenta Scannella - ma soprattutto non abbiamo notizie sul nuovo contratto di servizio o su una eventuale proroga di quello esistente, come è stato già fatto per il mese di giugno. Attendiamo risposte dal Comune - aggiunge - e rassicurazioni da parte dei vertici aziendali anche sulla situazione di cassa dell'azienda». 

Mancano pochi giorni alla fine del mese e, senza una ulteriore proroga del contratto tra Amt e Comune per la prosecuzione del servizio, il rischio è che le vetture restino ferme. «Il servizio di trasporto pubblico resta in piedi - assicura Bellavia - A livello finanziario-economico non ci sono difficoltà, la società è in equilibrio: quello che incassa è sufficiente per tutte le spese ma, qualche volta, ci sono degli intoppi che determinano ritardi nei pagamenti». 

In questo caso per esempio, stando a quanto ricostruito dal presidente dell'Amt, sarebbero tre i fattori che hanno inciso. «Il blocco della piattaforma del Mise (che serve alle pubbliche amministrazioni per caricare le fatture, ndr), poi il Comune in dissesto che non ha ancora il bilancio riequilibrato e, quindi - analizza Bellavia - le proroghe per il contratto di servizio vengono rinnovate di mese in mese con le procedure da rifare ogni volta, il che contribuisce al rallentamento. Un terzo ordine di problema per questo mese - aggiunge - è stato il ritardo del contributo della Regione dovuto ai paventati tagli del trasporto pubblico locale poi scongiurati venerdì scorso».

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

Combine Catania

Dall'arresto dei vertici della squadra rossazzura alla reazione dei tifosi e della città

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere su smartphone e tablet le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews