Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Salafia, rinviato al 2013 l'appello per Rizzotti
Ancora gravi le condizioni della studentessa

È stato rinviato al prossimo 14 gennaio il processo d'appello ad Andrea Rizzotti, l’ex dipendente comunale che la mattina del primo luglio 2010 trasformò piazza Dante a Catania in un far west. Oltre a colpire il suo bersaglio Maurizio Gravino ferì gravemente al collo la studentessa Laura Salafia da allora paralizzata dal collo in giù. Diciotto anni è la condanna in primo grado, contestata oggi dalla difesa

Desirée Miranda

Iniziato e subito rinviato. È il processo d’appello ad Andrea Rizzotti, l’ex dipendente comunale che nel luglio del 2010 ha sparato contro il pregiudicato Maurizio Gravino in piazza Dante, a Catania. Colpendo per sbaglio la studentessa Laura Salafia, rimasta paralizzata dal collo in giù. Maurizio Gravino, invece, se l’è cavata con pochi giorni di prognosi in ospedale.

Diciotto anni era stata la condanna in primo grado per Andrea Rizzotti. L’accusa è di duplice tentato omicidio con l’aggravante della premeditazione e dei futili motivi. E avrebbe dovuto iniziare oggi il secondo grado di giudizio alla Corte d’appello, ma il tutto è stato rinviato al 14 gennaio 2013. «Per indisponibilità dell’avvocato della difesa» spiega il pm Giulio Toscano.

Eppure era stato proprio il legale di Rizzotti Giorgio Antoci a chiedere di ricorrere in appello. «Abbiamo diverse valutazioni su quanto è accaduto in primo grado» dice prima di lasciare l’aula. L’avvocato della difesa si riferisce alla premeditazione del fatto di cui è accusato il suo cliente. Ma Rizzotti, spiega il legale, non avrebbe affatto premeditato di colpire Laura. Circostanza che comporterebbe una riduzione della pena, anche consistente. «Sarebbe una condanna più consona al reato commesso. È fuori dubbio che Rizzotti ha sparato – spiega Giorgio Antoci – ma non voleva colpire Laura. È fuori dubbio che si sia trattato solo di un caso».

Il processo si svolgerà nella prima sezione della Corte d’appello di Catania il cui presidente è Ignazio Santangelo, con i giudici Antonio Giuttari e Anna Muscarella, ma bisognerà aspettare il prossimo anno per sapere se le richieste della difesa saranno accolte. Intanto anche questa volta Andrea Rizzotti si è presentato in aula. Ammanettato e scortato da tre uomini della polizia penitenziaria, sorride e scherza con parenti e amici venuti apposta per vederlo. Anche se solo per dieci  minuti e da lontano.

In aula anche il fidanzato di Laura Salafia Antonio Guarino. «Comunque finisca questo processo per noi non cambierà nulla – afferma - Laura è quella che paga più di tutti e Rizzotti non potrà mai capire quello che ha fatto. È dietro le sbarre, ma può mangiare con le sue mani e camminare sulle sue gambe. Laura no, non più» dice con amarezza.

La studentessa è ancora ricoverata all’unità spinale unipolare dell’ospedale Cannizzaro e purtroppo da qualche tempo ha dovuto ricorrere di nuovo all’aiuto del respiratore artificiale. «Ma mostra la stessa volontà di sempre – racconta il fidanzato con soddisfazione – Ha anche dato un esame lo scorso luglio e ne sta preparando un altro».

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Combine Catania

Dall'arresto dei vertici della squadra rossazzura alla reazione dei tifosi e della città

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×