Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Italia-Kenia, tra gli spalti anche le bandiere africane
La storia di Oki che tifa «per tutte e due le squadre»

Il Kenya, battuto dall'Italia per 3-0, ha avuto il sostegno al PalaCatania di sei tifosi speciali. Uno di questi è Oki, ragazzo di 11 anni italo-keniota. Con la madre e altri amici dell'associazione Amani sono venuti a conoscere e sostenere la nazionale africana

Giorgio Tosto

«È stato bellissimo andare a salutare le atlete keniane. Abbiamo scambiato anche qualche parola in swahili. Erano felicissime: un'esperienza unica». Queste le parole di Lella Pennisi, subito dopo la partita di ieri sera al PalaCatania in cui si l'Italia ha battuto il Kenya. Per la nazionale africana, però, c'era un tifo speciale. Tra i sei tifosi, c'era anche la mediatrice culturale catanese con l'Africa nel cuore e Oki, suo figlio di undici anni. In mezzo a un tripudio fatto di azzurro e vessilli tricolore, le loro tre bandiere con le classiche bande orizzontali nero, rosso e verde separate da due strisce bianche, spiccavano in tribuna. A far parte del ristretto ma festoso gruppo di supporter delle ragazze in maglia e pantaloncini rossi ci sono anche Gianluca, Alessandro e Fabrizio (con la piccola Miriam al seguito) che arrivano da Piacenza.

Cosa unisce una mediatrice etnea a tre piacentini? La risposta si trova nella onlus Amani di Milano, una organizzazione impegnata da ormai vent'anni nella costruzione di case accoglienza, centri educativi, scolastici e professionali in Kenya, Zambia e Sudan. «Collaboro con Amani (che vuol dire pace in swahili, ndr) dal 2001 - afferma Lella - e lavoro da sempre nel campo dell'immigrazione. Ho scoperto il Kenya nel momento in cui ho deciso di prendermi un anno sabbatico: a Nairobi studiavo e mi documentavo su pace e sviluppo nell'area dei grandi laghi africani. Alloggiavo nelle case-famiglia: è stato in quel frangente che ho conosciuto il futuro padre di Oki, coordinatore in Kenya dei progetti della ong milanese».

«Per molti anni - ricorda - ho fatto la spola tra Europa e Africa: nel 2008 è nato mio figlio e siamo tornati assieme in Kenya nel 2010. Oki vive la doppia identità con un po' di normale confusione: viviamo prevalentemente in Sicilia ma quando andiamo in Africa con i progetti dell'associazione faccio in modo che possa integrarsi il più possibile. In Kenya - aggiunge - lui gioca con i bambini di strada coinvolti nelle nostre attività: lo swahili lo conosce poco, ma l'inglese sì. Il bello, però, è che tra ragazzini si comunica a gesti: il gioco è un linguaggio universale». 

L'ultima battuta spetta ovviamente a Oki. Alla domanda su chi tifasse tra Italia e Kenya la sua risposta, sincera e accompagnata da uno splendido sorriso, è stata: «Per tutte e due le squadre». Evidenza di come non si possa scegliere tra due patrie. La serata speciale dei sei tifosi si è poi conclusa con la visita nello spogliatoio della squadra e la sorpresa delle atlete nel vedere che anche qui, a migliaia di chilometri di distanza da Nairobi, ci fosse qualcuno sugli spalti che esultava a ogni loro punto. 

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

Combine Catania

Dall'arresto dei vertici della squadra rossazzura alla reazione dei tifosi e della città

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere su smartphone e tablet le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews