Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Paternò, a centinaia ai funerali di Edoardo Chisari
Palloncini per il 17enne morto in incidente stradale

Un silenzio surreale, pieno di lacrime e commozione. È in questa atmosfera che si sono svolti, nella tarda mattinata di oggi, i funerali del giovanissimo deceduto, venerdì mattina, a seguito di un incidente stradale in via Mongibello

Salvatore Caruso

Foto di: Salvatore Caruso

Foto di: Salvatore Caruso

In un silenzio surreale e pieno di commozione si sono svolti, nella tarda mattinata di oggi, i funerali di Edoardo Chisari. Il giovane di 17 anni morto nel tragico incidente stradale di venerdì mattina, in via Mongibello, la strada che collega Paternò con Ragalna. Centinaia sono stati i partecipanti alle esequie religiose che hanno riempito l'interno e l'esterno del Santuario della Maria Santissima della Consolazione. Accanto ai genitori Roberto e Daniela, al fratello e alla sorella, si sono stretti amici e parenti. Tantissimi, soprattutto, gli amici di Edoardo. Il giovanissimo si apprestava a frequentare l'ultimo anno del liceo linguistico De Sanctis di Paternò.

Presenti anche i sindaci di Paternò e Ragalna, Nino Naso e Salvo Chisari, che in occasione del funerale hanno proclamato il lutto cittadino. Edoardo da qualche tempo si era trasferito a Ragalna con la famiglia, ma i suoi affetti più cari sono legati a Paternò. Ad accogliere in chiesa la bara bianca con il corpo del 17enne il prete Miguel Juan, che ha benedetto la salma e ha pronunciato una toccante omelia, con un messaggio rivolto ai giovani: «Permettete a noi adulti di dialogare con voi, fate della vostra vita un capolavoro». Strazianti le lettere di ricordo da parte degli amici di Edoardo, appassionato di musica (suonava la batteria) e di moto. Finito il liceo, pensava a un futuro in aeronautica. Al termine della cerimonia sono stati liberati nel cielo decine di palloncini bianchi. 

Sulla dinamica dell'incidente stanno lavorando gli agenti della polizia municipale. In base a una prima ricostruzione, il ragazzo - che viaggiava su una Vespa Piaggio 125 - stava percorrendo via Mongibello per andare verso Ragalna. Mentre tentava di sorpassare un suv, dal lato opposto sarebbe sopraggiunto un Fiat Doblò guidato da un 40enne di Paternò. Il giovane non sarebbe riuscito a rientrare in tempo nella sua corsia. Il guidatore del furgoncino ha lasciato sull'asfalto una frenata lunga 24 metri. Il 17enne, che indossava il casco, ha sfondato il parabrezza e poi è caduto violentemente sull'asfalto. Edoardo è morto sul colpo. I risultati degli esami medici per controllare l'eventuale consumo di droghe o alcol da parte dell'automobilista saranno resi noti nei prossimi giorni.

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore RMB s.r.l.
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Palazzo di cemento, storia di uno sgombero

Per decenni la torre C3 Moncada di Librino è stata il simbolo dell'illegalità. Dalla scorsa primavera, il Comune di Catania ha condotto una lunga battaglia per strapparla agli occupanti. La vicenda dello stabile-simbolo di una periferia, dalla sua costruzione ai contrasti tra gli ex-abitanti e ...

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×