Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Lega, nel partito la scalata dei Lipera scatena malumori
A breve nomina del commissario per la città di Catania

Alessandro Lipera, responsabile dei giovani leghisti in Sicilia orientale, sarebbe il nome più accreditato per guidare i salviniani in città. I pretendenti, però, non mancano e la scelta potrebbe dividere anche il partito-monolite del ministro Matteo Salvini

Dario De Luca

Le ferie trasformate in campagna elettorale perenne fanno tappa anche a Catania. Matteo Salvini tornerà nel fine settimana nel capoluogo dove, però, il suo partito sembra trovarsi ancora nel guado. Da una parte la messe sempre più ingente di voti verso la nuova Lega sovranista, dinamica che nella provincia etnea equivale finora al 20 per cento e più delle ultime Europee. Una crescita netta, sulle ceneri della figuraccia da 1,6 per cento delle ultime Amministrative. Nel frattempo tutto è cambiato. Di mezzo c'è stato pure il governo gialloverde che, come ricorda appena può il sindaco Salvo Pogliese, ha «salvato» il Comune in dissesto, medaglia che si contendono salviniani e Movimento 5 stelle. Dall'altro lato, però, c'è il magma di un partito la cui classe dirigente locale rimane un calco degli albori di Noi con Salvini e dei primi approcci leghisti con la Sicilia.

L'assessore catanese Fabio Cantarella, dopo il calice amaro dell'esclusione dalle Europee, è rimasto in sella come luogotenente del Carroccio assieme a un altro deluso, il palermitano Igor Gelarda. Per il resto il panorama etneo-leghista, dai vertici ai circoli, pare essere rimasto ancorato alla fase transitoria delle prime nomine e del reclutamento di fine 2018, senza particolari sussulti o le ampie adesioni che qualcuno si auspica. Lo stesso primo cittadino Pogliese, a seguito dell'uscita da Forza Italia, in effetti una discussione con la Lega l'aveva intavolata, ma dopo vari abboccamenti con il commissario Stefano Candiani, l'ex azzurro ha virato su Fratelli d'Italia. Segnali di vitalità arrivano invece dall'area di Anastasio Carrà, il primo cittadino di Motta Sant'Anastasia riconfermato ad aprile come unico sindaco leghista dell'Isola. Appare saldo l'asse fra il carabiniere salviniano, nominato da poco commissario provinciale, e la famiglia Lipera. L'avvocato Piero Lipera, regista della convergenza fra salviniani e Pd ad Aci Castello - è uno degli assessori freschi d'incarico a Motta. 

E proprio sull'onda del protagonismo dell'ala Carrà, un altro esponente del gruppo sarebbe pronto al salto di qualità. Ovvero Alessandro Lipera, fratello di Piero, a fine 2018 nominato dal vicesegretario Andrea Crippa responsabile dei giovani leghisti per la Sicilia orientale, sarebbe il favorito per la casella di commissario del partito a Catania città. Una nomina data per imminente, a cui però aspiravano in tanti. Le carte in regola, secondo alcune voci, le avrebbe ad esempio uno dei pochi salviniani catanesi a ricoprire un incarico elettivo: Alfio Allegra, ex autonomista, ex sammartiniano, dall'anno scorso presidente della sesta circoscrizione catanese. Dalla sua non solo una dote importante di preferenze, ma anche per la simpatia del fronte dei circoli territoriali della Lega. Anima diversa dall'ala Cantarella-Carrà-Lipera, le cui inquietudini restano confinate nelle stanze del partito-monolite salviniano: «In Lega i panni sporchi si lavano in casa», ripetono tutti. 

Ecco che allora nessuno si sbilancia. Le opinioni circolano, eccome, ma prima dell'effettivo concretizzarsi della scelta di Lipera (classe 1994) - «troppo giovane e fin troppo spinto dai suoi», dice qualcuno - tutti resteranno alla finestra. L'indicazione da sottoporre al vaglio finale del leader Salvini arriverà, come da aprile 2018 a questa parte, dal commissario Stefano Candiani. 


Riceviamo e pubblichiamo da Alfio Allegra, presidente sesta circoscrizione Catania: 
Volevo precisare che conosco Luca Sammartino come amico ma non sono mai stato politicamente vicino a lui. Ringrazio le persone che mi stimano, ma sono un uomo di partito e di nomine e altre questioni ne discuto all'interno del partito.

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

Combine Catania

Dall'arresto dei vertici della squadra rossazzura alla reazione dei tifosi e della città

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews