Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Droga, cinque arresti in piazza Machiavelli
Madre e tre figli gestivano spaccio familiare

La famiglia si alternava nelle varie fasi della cessione di stupefacenti a tossicodipendenti e altri spacciatori in un cortile di via Spedaletto. Un'impresa criminale a conduzione familiare con decine di affari al giorno. Ripresi per un anno dalle telecamere piazzate dalla polizia. Che oggi all'alba ha trasferito nel carcere di piazza Lanza tre fratelli e un parente. La madre si trova invece agli arresti domiciliari

Redazione

Una piccola impresa a conduzione familiare. Specializzata nel settore degli stupefacenti – nello specifico, cocaina - e legata al clan etneo dei Santapaola. Li tenevano d'occhio da un anno gli agenti della squadra mobile di Catania, ma solo oggi all'alba sono riusciti a fermarli. Si tratta di tre fratelli, Angelo, Antonino e Rosario Testa, della madre Maria Grimaldi e di un parente, Luciano Salanitro. Gestori di una piazza di spaccio in un cortile in via Spedaletto, vicino a piazza Machiavelli, a Catania. Oltre all'arresto dei cinque, la polizia ha provveduto anche al sequestro di un'auto, quattro motorini e la somma di 12.350 euro.

Luciano Salanitro (classe 1967)

Testa Angelo (classe 1969)

Testa Antonino (classe 1972)

Rosario Testa (classe 1975)

Decisivi per le indagini, cominciate a novembre del 2011, sono stati i filmati ripresi dalle telecamere piazzate nella zona. Immagini che hanno mostrato agli agenti tutte le fasi dello spaccio organizzato dalla banda familiare. Dall’arrivo dei compratori alla consegna del quantitativo di cocaina ordinato. Decine di affari al giorno, sia con tossicodipendenti «che a volte giungevano in gruppi numerosi», spiegano dalla squadra mobile, sia con altri spacciatori. In due, ritrovati dalla polizia con 20 e 30 grammi di cocaina ciascuno, sono stati arrestati insieme alla famiglia Testa.

[youtube

Un gruppo bene organizzato, spiegano gli investigatori, e con poche gerarchie. Tutti, all'interno della gestione familiare, si occupavano di tutto. O quasi. Dalla vedetta alla raccolta delle commesse. Dalla cassa alla distribuzione delle sostanze. Passaggio, quest'ultimo, mai effettuato dalla madre a causa dell'età. Sarebbe stato infatti difficile per la signora, classe 1943, scappare in caso di intervento delle forze dell'ordine. Una precauzione aggiuntiva, considerato che la piazza scelta dalla banda per lo spaccio permetteva già al gruppo totale discrezione. Le dosi e il materiale per il loro confezionamento venivano nascosti in caseggiati diroccati che, circondando il cortile, permettevano anche di sfuggire facilmente agli agenti.

I cinque sono adesso accusati di associazione a delinquere finalizzata al commercio e alla cessione di sostanze stupefacenti. I quattro uomini sono stati già trasferiti al carcere di Piazza Lanza, mentre per la madre sono stati disposti gli arresti domiciliari.

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

Combine Catania

Dall'arresto dei vertici della squadra rossazzura alla reazione dei tifosi e della città

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere su smartphone e tablet le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews