Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

«"Briganti" parola negativa, squadra cambi nome»
Ma la Federazione di rugby salva il team di Librino

La richiesta di cambiare la denominazione avanzata alla Federugby nazionale da un anonimo avversario è stata rispedita al mittente. Stefano Curcuruto, presidente del club librinese: «Sollevati dalla solidarietà e dal sostegno dimostrati»

Giorgio Tosto

Foto di: Foto Giuseppe Maugeri

Foto di: Foto Giuseppe Maugeri

Poteva sembrare una boutade, ma l'ufficialità delle fonti ha subito fugato il dubbio. La richiesta risale a un mese fa: il dirigente di una squadra siciliana di rugby ha avanzato alla federazione una segnalazione via mail, all'interno della quale si richiedeva il cambio di denominazione per i Briganti di Librino: una società modello, impegnata con le sue attività culturali e sportive nel riscatto di un quartiere troppo spesso dimenticato. Un punto di riferimento che, però, avrebbe dovuto cambiare nome. A causa della presunta accezione negativa del sostantivo «brigante»: nella mail incriminata, infatti, viene evidenziato come si tratti di una parola «che esalta un gruppo di malviventi in contrasto con i dettami in materia di ordine pubblico. Non credo, per esempio, che una società potesse chiamarsi ASD stupratori oppure ASD ladri di bestiame».

Una accusa subito respinta al mittente dal presidente del comitato siciliano della Federugby Orazio Arancio. «La cosa che più mi stupisce - ha confessato Arancio a MeridioNews - è la modalità con cui tutto è avvenuto. Siamo soliti affrontare i problemi in maniera collettiva, risolvendoli positivamente. Questa richiesta, invece, è giunta a Roma senza che noi sapessimo nulla». La risposta è stata chiara: «Avevo il dovere di rettificare - precisa l'intervistato - facendolo in maniera costruttiva. Il termine "briganti" non può evocare qualcosa che non esiste: ha anche una accezione scherzosa. Trovo geniale, invece, utilizzare questo nome per un progetto che intende essere riscatto per un quartiere intero. Dà l'idea di gente sveglia - aggiunge il dirigente - e rispecchia la loro anima in senso positivo». 

L'augurio di Arancio, dunque, è che tutto si risolva senza strascichi. «La competizione leale è giusto che ci sia: ciascuno ha il proprio modo di gestire le società sportive. Queste tensioni, però, non sono tipiche del nostro mondo». In merito all'autore della mail: «Non avevo bisogno di parlargli. Mi auguro che anche per lui la faccenda si concluda qui. La Federazione ha accettato il mio modo di operare: ha scelto il movimento, a noi il nome Briganti - conclude il presidente -  non dà alcun fastidio». Posizione identica per Stefano Curcuruto, massimo dirigente de I Briganti rugby Librino. «È una situazione assurda e strana. L'autore della richiesta non nutre simpatia nei nostri confronti». Curcuruto non vuole svelare l'identità di chi li ha denunciati alla Federazione, ribadendo però come tutti gli avversari vengano accolti sempre in maniera amichevole, nello stile della società.

«Tutto si può pensare - ribadisce il presidente - tranne che qualcuno possa mettere in discussione una denominazione che esiste ormai da 13 anni. Molti nomi, nel nostro mondo, si legano alla logica di spirito e allegria che è tipica del rugby: abbiamo comunque ricevuto solidarietà e sostegno trasversali. Chi ci conosce da tanto tempo - sottolinea Curcuruto - sa bene di cosa ci occupiamo». Meglio, dunque, pensare alla stagione ormai alle porte. «I campionati cominceranno il 20 ottobre, lunedì inizieremo la preparazione atletica: dovremmo avere tutte le categorie - spiega l'intervistato - dal mini rugby al femminile». La ciliegina sulla torta, poi, sarà il completamento dei lavori al campo San Teodoro XXV Aprile: «I primi di settembre l'azienda dovrebbe iniziare, per concludere entro il 15 di maggio. Verrà allargato il campo di gioco, installando un terreno sintetico. Abbiamo ottenuto ciò che da anni inseguivamo: sarà l'orgoglio di tutta la Catania sportiva».

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Combine Catania

Dall'arresto dei vertici della squadra rossazzura alla reazione dei tifosi e della città

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews