Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Voto UniCt, in tre si ritirano: Priolo verso il Rettorato
Il candidato Calabrese: «Io vado avanti fino alla fine»

Salvatore Barbagallo, Agatino Cariola e Roberto Purrello hanno firmato una nota con la quale annunciano il proprio ritiro dalle elezioni per il rettore. Resta in campo Vittorio Calabrese, anche se la vittoria di Francesco Priolo appare scontata

Luisa Santangelo

Una nota congiunta firmata da Salvatore BarbagalloAgatino CariolaRoberto Purrello annuncia, de facto, la chiusura della corsa per il Rettorato dell'università di Catania. I tre candidati hanno deciso di ritirarsi dalla competizione elettorale, dopo i 615 consensi ottenuti dal favorito, Francesco PrioloDietro di lui Purrello (193 voti), Barbagallo (105 voti), Cariola (98 voti) e Vittorio Calabrese (76 voti). Quest'ultimo è l'unico ad avere deciso di proseguire il percorso: «Io andrò fino alla fine - annuncia a MeridioNews - Voglio portare la mia testimonianza: una corsa a due sarà attestazione di pluralità e dialogo all'interno dell'università. Inoltre, voglio rispettare la volontà dei miei elettori, ai quali devo gratitudine».

Lunedì, quindi, si procederà con la seconda votazione, dopo quella di ieri. Se Priolo otterrà la maggioranza assoluta dei votanti, sarà investito del ruolo di Magnifico Rettore dell'università di Catania, senza dovere passare per la terza votazione e per l'eventuale ballottaggio. «Mi ritiro per senso istituzionale», conferma Purrello, contattato telefonicamente da questa testata. Era lui l'altro uomo forte, che avrebbe dovuto contendere il vertice dell'ateneo all'ex collega. Col quale, del resto, ha in comune anche l'esperienza della presidenza della Scuola superiore di Catania.

«Nonostante il breve tempo che c'è stato per la campagna elettorale - spiega Purrello - ritengo che la scelta effettuata dall'ateneo, ed evidente dai risultati, sia stata ben meditata. Non sta dunque a me sindacare sulle scelte che sono state fatte e che premiano un collega di valore». Sulla stessa lunghezza d'onda Agatino Cariola, inaspettato outsider di una elezione in cui l'espressione delle candidature è stata forse il momento più vivace. «Forse non sono stato capace di spiegare la mia posizione e i miei propositi per il futuro dell'ateneo catanese - dichiara - o forse i colleghi non l'hanno condivisa. Ma questo, adesso, poco importa».

Del resto, aggiunge Cariola, non c'è motivo di procedere con un inutile «accanimento elettorale». «Non ci sono sconfitti. I numeri dicono chiaramente che c'è solo un vincitore. E, siccome io amo l'università di Catania, esprimo il mio amore evitando una perdita di tempo all'ateneo. Auguro buon lavoro al professore Francesco Priolo, perché auguro un buon lavoro a questa università». Parole simili a quelle usate da Salvatore Barbagallo: «Prendo atto anche io della scelta del corpo elettorale - aggiunge - E sono pronto a collaborare con il futuro rettore per il rilancio dell'ateneo».

Chi invece, ancora una volta, persegue la strada dell'originalità è Vittorio Calabrese. «Quando, sei anni fa, mi sono candidato, ho commesso l'errore di ritirarmi a favore di un altro candidato - racconta - Una cosa che tanti miei elettori mi hanno raccomandato è stata di non ripetere quella scelta». Certo, con i numeri di ieri non spera certo di rimontare e vincere. «Il professore Priolo grazie alle sue capacità ha dimostrato di sapere raccogliere un consenso che non lascia adito a dubbi - conclude Calabrese - Ma io ho rispetto di chi ha avuto fiducia in me. Quindi arriverò fino alla fine».

L'avvenire del futuro rettore, però, si prospetta tutto fuorché luminoso. Il 12 settembre il Tar di Catania, in seduta collegiale, discuterà del ricorso contro il voto presentato dai due ricercatori Lucio Maggio e Attilio Toscano, assistiti dagli avvocati Pietro Sciortino e Dario Riccioli. In prima battuta, il 22 agosto, il tribunale amministrativo si è espresso contro la richiesta di sospensione cautelare delle elezioni avanzata dai legali. Ma a settembre ci sarà da discutere sul merito. E questo mette a serio rischio di annullamento queste consultazioni elettorali balneari per il vertice dell'ateneo. Una nuova tegola rischia di abbattersi sul Palazzo centrale, dopo quella dell'inchiesta Università bandita della procura di Catania. Indagine che ha causato le dimissioni dell'ex rettore Francesco Basile e la necessità di un nuovo voto.

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

Combine Catania

Dall'arresto dei vertici della squadra rossazzura alla reazione dei tifosi e della città

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere su smartphone e tablet le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews