Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Catania, la settimana delle presentazioni ufficiali
Ecco Dall'Oglio, Di Molfetta, Mbendé e Saporetti

Il gruppo si prepara all'incontro casalingo con la Virtus Francavilla: ieri sera, nel frattempo, la squadra ha programmato una seconda presentazione in un centro commerciale, in presenza di un migliaio di tifosi festanti. In conferenza stampa sfilano i nuovi arrivi 

Giorgio Tosto

Foto di: Calcio Catania Spa Official

Foto di: Calcio Catania Spa Official

Il duro lavoro in campo e le presentazioni stanno scandendo la settimana che porterà al secondo impegno della truppa rossazzurra in campionato. Il primo avversario stagionale di scena al Massimino, domenica alle 17:30, sarà la Virtus Francavilla: squadra ostica e assai quadrata che, rispetto all'ancora fragile Avellino, rappresenterà un banco di prova più difficile. Ieri sera la società ha desiderato bissare la classica presentazione svolta in Comune, con la volontà di avvicinarsi il più possibile ai tifosi e ricreare quell'unità di intenti che in questi anni è sembrata sempre più venire meno. Erano circa mille i supporter presenti al centro commerciale Porte di Catania: un abbraccio corroborante che potrà infondere ancor più sicurezza a un gruppo che ha iniziato al meglio la stagione.

Questi sono anche i giorni delle conferenze stampa di tutti i nuovi acquisti. Dopo Emanuele Catania e Giovanni Pinto è toccato a Jacopo Dall'Oglio, Davide Di Molfetta, Lorenzo Saporetti ed Emmanuel Mbendé rispondere per la prima volta alle domande dei giornalisti. Per Dall'Oglio, centrocampista classe '92, trovarsi a Torre del Grifo è un po' come essere a casa: siciliano di Milazzo, infatti, il giocatore è stato in altre occasioni molto vicino a vestire la maglia rossazzurra. «Sono felicissimo di essere a Catania, una società cui ambivo da tempo. Voglio dare il mio contributo per arrivare alla promozione. Avrei già voluto essere qui nel 2014 - ribadisce il calciatore - quando giocavo nella Reggina.  Quest'estate altre società di B mi hanno corteggiato: quando Pietro Lo Monaco mi ha chiamato, però, non potevo dire di no. Abbiamo giocatori - afferma l'intervistato - che non hanno nulla a che fare con la Serie C».

Se Dall'Oglio avrà il compito di correre, interdire e mettere i suoi muscoli al servizio della squadra, Davide Di Molfetta dovrà invece far valere le sue doti di grande assist-man, già evidenziate lo scorso anno a Piacenza. Il paragone con Peppe Mascara, scomodo, è di Pietro Lo Monaco: «Sono parole che mi rendono orgoglioso - ha detto l'esterno d'attacco - anche se non devo pensare a queste cose. Ho ancora tanto da imparare. I miei punti di forza sono i dribbling e la capacità di aiutare i miei compagni a fare gol, dando tutto per la maglia: cerco sempre di sacrificarmi per la squadra». Aumentare le medie realizzative, però, sarebbe importante: «Giocando con questa mentalità - afferma l'ex Milan -  la marcatura giungerà presto. Imparerò ad essere più incisivo: spero di sbloccarmi già domenica».

Parola ai nuovi ministri della difesa rossazzurra. Accanto a Tommaso Silvestri e Andrea Esposito, infatti, potranno crescere due ventitreenni di belle speranze: Emmanuel Mbendé e Lorenzo Saporetti. Il primo, nato in Camerun e di nazionalità tedesca, è al debutto in Italia: «Sono cresciuto in Germania, poi ho giocato in Inghilterra e Olanda. Ora sono qui, cercando di acquisire quanta più esperienza per la mia carriera». Andrea Camplone è un tecnico che ama il gioco offensivo: «L'esperienza al Borussia Dortmund mi avvantaggia: la filosofia del club giallonero, votata all'attacco, è stata utile per apprendere il posizionamento e altri rudimenti utili agli scopi della squadra. Anche in Olanda sono abituato a questo tipo di gioco». L'italiano, poi, non è un problema: «Sto imparando poco a poco: la presenza di Davis Curiale (nato in Germania, ndr) che parla tedesco può aiutarmi nelle indicazioni quando mi sfugge qualcosa».

Saporetti, a differenza di Mbendé, ha già avuto modo di esordire in maglia rossazzurra ad Avellino: «Camplone è un allenatore che sa quello che vuole dalla squadra: mi ha colpito il fatto che, pur essendo in C, col mister stiamo provando a gestire di più la palla. Difesa? Siamo messi bene - ammette il centrale -  avendo due giocatori per ruolo: siamo coperti per qualsiasi evenienza. Non c'è una formula scritta per vincere: l'unione del gruppo sarà fondamentale, dovremo sempre collaborare in campo. La squadra dev'essere un blocco, sempre compatta verso l'obiettivo comune». Con Di Molfetta e Maks Barisic, poi, Saporetti ha giocato anche nelle giovanili del Milan nel 2013: «Andando via di casa a 16 anni si matura prima: è stata un'esperienza a tutto tondo che mi sta servendo sia dentro che fuori dal campo. A chi mi ispiro? Da bambino - conclude il difensore - andavo matto per Rio Ferdinand del Manchester United».

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

Combine Catania

Dall'arresto dei vertici della squadra rossazzura alla reazione dei tifosi e della città

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere su smartphone e tablet le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews