Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Muos, Commissione Difesa chiede lo stop
«Il governo ha abbandonato i siciliani»

La quarta commissione Difesa della Camera chiede all'esecutivo presieduto da Mario Monti di rivedere l'autorizzazione a procedere data agli Stati Uniti per la costruzione del mega impianto di antenne militari a Niscemi. L'unico al mondo in una riserva naturale e vicino a centri abitati e - sottolineano i parlamentari nella loro relazione - pericoloso per la salute umana e ambientale

Desirée Miranda

«Rivedere totalmente l'autorizzazione a procedere con il programma Muos - Mobile User Objective System -  presso la base militare americana NRTF-8 di Niscemi e avviare nell'immediato le necessarie iniziative per una moratoria sia per quanto riguarda la costruzione del Muos, sia per il sistema di antenne già presente nella riserva». È questo l’impegno che la IV commissione Difesa della Camera dei deputati chiede al governo presieduto da Mario Monti. Lo ha deciso con una risoluzione nella seduta di venerdì 12 ottobre «alla luce dei recenti sviluppi e dell'inchiesta della magistratura», si legge sul documento pubblicato sul sito della Camera.

Un’altra importante piccola vittoria per il movimento no Muos, che si oppone al mega impianto di antenne satellitari in costruzione da parte degli Usa all’interno della riserva naturale Sughereta di Niscemi in contrada Ulmo, dopo il sequestro dell’impianto per violazione delle leggi sull’ambiente da parte della Procura di Caltagirone. L'autorizzazione all'installazione nasce dalla stipula di un accordo bilaterale Usa-Italia del 2001 e ratificato nel 2006, mentre l’avvio dell’inchiesta è del 2011. La base di Niscemi dovrebbe aggiungersi alle tre stazioni a terra già installate in Virginia, nelle isole Hawaii e in Australia, ma sarebbe l’unica così vicina al centro abitato. Le altre si trovano infatti in zone desertiche.

Numerose le premesse della risoluzione. Innanzitutto l’uso del Muos: «Sarà utilizzato per coordinare capillarmente tutti i sistemi militari statunitensi dislocati nel globo, in particolare i droni, aerei senza pilota che saranno allocati anche a Sigonella». In realtà i droni sono già presenti a Sigonella, vengono utilizzati almeno da un paio di anni, e insieme al resto dell’arsenale bellico e al numero di soldati statunitensi, sempre più grande, spingono sempre più a pensare la Sicilia al centro dello scacchiere bellico internazionale.

Viene poi considerata la pericolosità delle antenne e del sito in cui si vorrebbero costruire. Già adesso, infatti, ci sono «41 antenne in banda HF e una banda F alta circa 140 metri e con potenza di emissione nell'ordine dei 500-2.000 KW» e secondo studi «basati sui dati raccolti dall'Arpa Sicilia è scientificamente fondato il timore che l'installazione attuale superi già i limiti di legge imposti sulle emissioni elettromagnetiche». Per non parlare degli alti rischi per la riserva naturale, inserita nella Rete natura 2000 come sito di importanza comunitaria e dove non è concesso realizzare nuove costruzioni e infrastrutture compresa l'installazione di antenne e tralicci secondo il piano territoriale del 2008 di Caltanissetta.

Non solo. Vengono sottolineate anche le proteste dei numerosi cittadini siciliani preoccupati per «la salute umana, l’ecosistema della Sughereta di Niscemi, la qualità dei prodotti agricoli, il diritto alla mobilità e allo sviluppo del territorio, il diritto alla pace e alla sicurezza del territorio e dei suoi abitanti» e che hanno raccolto migliaia di firme e organizzato cortei. L’ultimo si è tenuto lo scorso 6 ottobre, proprio il giorno in cui è stata diffusa la notizia del sequestro del sito. Vengono poi sottolineati i rischi per patologie legate al sistema emolinfatico, leucemie, specialmente infantili e l’interferenza su qualunque apparecchiatura elettrica come by-pass, sedie a rotelle, pace-maker, anche a distanza di oltre 140 chilometri.

Il messaggio sulla pericolosità che costituisce la costruzione del sistema di antenne Muos è stato lanciato da più parti, adesso anche dalla quarta commissione Difesa, ma la richiesta di un'eventuale moratoria agli Usa è solo nelle mani del governo. In ogni caso bisognerebbe vedere cosa ne pensa la controparte, perché l’Italia ha già autorizzato la costruzione del Muos. Nonostante, come si legge nel documento della commissione, questo abbia significato «abbandonare al loro destino i cittadini non solo di Niscemi, ma di tutta a Sicilia».

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Combine Catania

Dall'arresto dei vertici della squadra rossazzura alla reazione dei tifosi e della città

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×