Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Regionali, ancora una denuncia di spam
Candidata Pd: «Contatti forniti dagli amici»

Centinaia di sms e lettere con santini di Concetta Raia annessi: dopo le polemiche su due candidati dell'Udc, protagonisti del mailgate d'Ateneo, e del caso delle telefonate elettorali fatte ai malati di tumore, un nuovo caso di spam elettorale coinvolgerebbe la deputata regionale del Pd. Lo denuncia Salvatore Longo, consigliere comunale a Palagonia e sostenitore di un'altra ex sindacalista, Giovanna Marano, alla presidenza della regione. Secondo Raia però, inviare messaggi non richiesti «non è violazione della privacy»

Leandro Perrotta

«I nostri contatti li recuperiamo dall'elenco telefonico, ma anche da amici e conoscenti. Del resto lei stesso che mi ha telefonato, come ha avuto il mio numero?». Sembra stupita di ricevere una telefonata riguardo allo spam elettorale Concetta Raia, deputata regionale del Partito democratico ricandidatasi per le prossime elezioni del 28 ottobre. In questi giorni però sono state centinaia le persone che hanno ricevuto a casa, insieme a quelli di tanti altri candidati, i santini elettorali della ex sindacalista Flai-Cgil originaria di Grammichele. Messaggi inviati senza un preventivo consenso per la ricezione di materiale pubblicitario, come conferma la stessa deputata. Secondo la quale le lettere inviate via posta in periodo di elezioni «non credo violino la privacy, sono dati pubblici, oppure provenienti dalla rete del Pd di cui faccio parte».

Nell'incertezza della candidata su quanto sia giusto inviare messaggi elettorali a chi non ha dato esplicito consenso, il problema è che tra i destinatari, in un periodo caratterizzato dalle polemiche degli scorsi giorni sulle lettere inviate da Giacomo Bellavia (candidato Pdl), c'è chi protesta. «A me sono arrivati ben due sms da parte di sindacalisti Cgil per promuovere la sua candidatura» lamenta un lettore. Una prassi talmente comune da non essere nemmeno negata: «Sì, anche io invio sms elettorali agli amici» ammette un sindacalista. E se gli amici a cui vengono spedite le lettere a casa lo sono solo formalmente, e per giunta su Facebook, la situazione si complica. Da Palagonia, paese non lontano da Grammichele, il consigliere comunale Salvatore Longo non crede che essere amici sul social network dia il diritto di ricevere i santini elettorali a casa. Eletto nella lista collegata al sindaco Valerio Marletta Palagonia bene comune, e sostenitore del candidato alle regionali della Federazione della sinistra Pierpaolo Montalto (lista Fava presidente), riguardo alle lettere della deputata Pd afferma: «I miei dati non sono pubblici in nessun elenco telefonico, non sono intestatario di nessuna utenza». Una protesta che ha portato alla rottura dell'amicizia telematica tra i due. «Dopo aver chiesto spiegazioni, e avermi risposto che presto chiarirà tramite messaggio privato il tutto, vengo cancellato dalla candidata e bloccato» spiega Longo, che paragona il caso agli scandali di queste settimane di campagna elettorale che hanno visto protagonisti due candidati Udc, lista che come il Pd appoggia Rosario Crocetta presidente. «Prima il caso mailgate Grassi, poi Sammartino che telefona ai malati di tumore, e adesso la Raia. Quando vogliono finire di usare questi metodi meschini di far campagna elettorale?» chiede Longo.

Paragoni improbabili per Concetta Raia, che tiene a precisare che «cancellare qualcuno da Facebook non è vietato» e soprattutto di «non avere nessun database, e nemmeno accesso a quello dell'Università o di altro ente». Come fare quindi per non ricevere più le sue lettere? «Basta avvisarci, e io darò disposizioni alla mia segretaria di non inviare più al signor Longo, come a  qualsiasi altro, lettere o altre comunicazioni» continua la deputata. La protesta di Longo intanto prosegue su Facebook, dove sotto alla foto del materiale elettorale ricevuto, nei commenti qualcuno fa notare che la prassi della Raia non è così inconsueta nemmeno tra i sostenitori di un'altra ex sindacalista, Giovanna Marano, candidata alla presidenza della regione per Libera Sicilia. «A me sono arrivati oggi quelli di Luca Cangemi (lista claudio Fava presidente) di Rifondazione comunista per Marano presidente - si legge in un commento sulla bacheca pubblica di Longo - Non mi sembra di avere dato alcun consenso. Facciamo una class action?»

[Foto di Salvatore Longo]

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Se la Sicilia trema

Tra poche realtà virtuose e molta impreparazione, viaggio nell'isola ad alto rischio sismico

Etna libera

Attività intensa e imprevedibilità. Per queste ragioni la Prefettura di Catania ha imposto delle restrizioni per l'accesso al vulcano attivo più alto d'Europa. Ma in molti tra scienziati, ambientalisti e semplici appassionati chiedono di sospendere queste misure

Il processo Iblis tra mafia, politica e impenditoria

La cronaca di tutte le udienze, gli approfondimenti e gli stralci dal troncone principale con il rito ordinario del procedimento sulle collusioni politico-affaristico-mafiose nel Catanese

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×