Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

La centrale di smantellamento delle auto rubate
Capannone di campagna trasformato in un fortino

In appena venti minuti erano riusciti ad asportare le parti più importanti di un Fiat Qubo. E dentro alla struttura c'erano targhe, documenti di circolazione e tappetini in quantità: secondo le forze dell'ordine lì dentro era un via vai di vetture 

Redazione

Era un capannone di campagna, in mezzo a un terreno incolto e senza recinzione, con le finestre parzialmente schermate. Dall'esterno non si vedeva ciò che accadeva dentro, dall'interno c'era una visuale completa su quanto avveniva fuori. Un vero e proprio fortino destinato allo smantellamento di autoveicoli rubati. Con l'accusa di riciclaggio sono stati arrestati, in flagranza, Agatino Alfio Biondi (incensurato, classe 1996), Antonino Grasso (pregiudicato, classe 1976), Sergio Simone Grasso (pregiudicato classe 1995), e Pietro Vasta (incensurato, classe 1978). 

Sergio Simone Grasso (13/03/1995)

Agatino Alfio Biondi (13/04/1996)

Antonino Grasso (29/01/1976)

Pietro Vasta (30/07/1978)

Il blitz della polizia è stato portato a compimento lo scorso 6 settembre. Gli uomini della stradale avevano notato i movimenti strani nel terreno incolto lungo la strada provinciale 207, in territorio del Comune di Belpasso. Lì quel giorno era entrata prima una Fiat Qubo e poi un autocarro Ford Transit. In entrambi i casi con alcune persone a bordo. L'ipotesi più plausibile era che qualcuno stesse tentando di smontare il Qubo, per trasferirne altrove i pezzi. 

Mentre alcuni agenti accerchiavano il capannone, altri si avvicinavano fino a sentire, dall'interno, il rumore dello smantellamento del mezzo. Uno dei quattro all'interno, però, si è affacciato proprio in quel momento e ha notato i poliziotti, dando l'allarme a tutto il gruppo. I complici sono saliti tutti a bordo del Transit (tre i cabina e uno sul cassone posteriore) e hanno tentato di darsi alla fuga, «percorrendo - scrive la questura - una strada privata ad alta velocità».

Il terreno, però, era stato blindato dagli agenti. Uno dei quali, a scopo intimidatorio, avrebbe sparato un colpo di pistola in aria. Bloccato il veicolo e ammanettati i quattro, i poliziotti hanno effettuato un sopralluogo all'interno del capannone: c'erano quattro veicoli rubati: una Fiat 500 L, una Fiat Panda e una Lancia Y già interamente smontate, e il Fiat Qubo in fase di smontaggio. Nonostante il veicolo fosse entrato appena venti minuti prima, erano già state portate via portiere, portellone, paraurti e cofano. Di tutte le vetture era stato denunciato il furto.

Secondo le forze dell'ordine, però, quelle macchine erano solo le ultime di una lunga serie. A confermare questa teoria, il rinvenimento di targhe e documenti di circolazione, oltre che tappetini e accessori che, per la loro elevata quantità, potrebbero appartenere a numerosi altri veicoli di analoga provenienza, smantellati di recente. Un lavoro, del resto, al quale almeno uno degli arrestati (Sergio Simone Grasso) era già dedito in passato: il 29 maggio la polizia lo aveva beccato a smantellare diversi veicoli Fiat nei pressi del cimitero inglese, alla periferia sud di Catania.

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

Combine Catania

Dall'arresto dei vertici della squadra rossazzura alla reazione dei tifosi e della città

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere su smartphone e tablet le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews