Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Muos, ordinato il dissequestro dell'impianto
Struttura torna sotto controllo della Difesa

Il tribunale delle libertà di Catania ha disposto il dissequestro del sistema di antenne militari americano in costruzione a Niscemi, accogliendo il ricorso dell'Avvocatura di Stato. I sigilli all'impianto erano stati messi il 6 ottobre scorso, lo stesso giorno della grande manifestazione nazionale organizzata dai comitati No Muos. La Procura di Caltagirone aspetta di leggere le motivazioni e si riserva di ricorrere in Cassazione

Salvo Catalano

Il 6 ottobre a Niscemi la festa era stata doppia: per il successo della grande manifestazione nazionale contro il Muos, e per la notizia del sequestro del sistema di antenne militari in costruzione. Ieri è arrivata la doccia fredda: la quinta sezione del tribunale della libertà di Catania ha annullato il decreto di sequestro del Muos, che era stato ordinato dal gip su richiesta della Procura di Caltagirone. È stato accolto il ricorso dell’avvocatura di stato e la struttura è tornata sotto il controllo del Ministero della difesa. Il reato contestato per cui erano stati messi i sigilli all’impianto era violazione delle leggi sull’ambiente, in particolare dei vincoli imposti dal decreto istitutivo della Sugherata, l’area protetta su cui sorge l’eco-mostro.

L’11 settembre delegati del movimento no Muos erano stati ascoltati in Parlamento e solo pochi giorni fa la quarta commissione difesa della Camera ha chiesto una moratoria sia per quanto riguarda la costruzione del Muos, sia per il sistema di antenne già presente nella riserva. Al governo Monti chiedono di rivedere totalmente le autorizzazioni. Un altro piccolo successo per i comitati che in questi mesi hanno portato avanti una paziente azione di informazione e controllo. Fino alla notizia di ieri del dissequestro della struttura dove adesso potranno riprendere i lavori di costruzione del sistema di antenne.

Il procuratore di Caltagirone, Paolo Giordano, aspetta di leggere le motivazioni dei giudici del riesame di Catania e si riserva di presentare ricorso in Cassazione.

Meridio rubriche

Leggi tutte le rubriche

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore RMB s.r.l.
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Elezioni comunali 2021 in Sicilia

Il 10 e 11 ottobre e il 24 e 25 ottobre 2021 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Palazzo di cemento, storia di uno sgombero

Per decenni la torre C3 Moncada di Librino è stata il simbolo dell'illegalità. Dalla scorsa primavera, il Comune di Catania ha condotto una lunga battaglia per strapparla agli occupanti. La vicenda dello stabile-simbolo di una periferia, dalla sua costruzione ai contrasti tra gli ex-abitanti e ...

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×