Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Trecastagni, il governo proroga lo scioglimento per mafia
L'ex sindaco: «La criminalità non ha influito sulla politica»

L'unica motivazione che viene esplicitata dal ministero dell'Interno, adesso retto dalla prefetta Luciana Lamorgese, parla di «necessità di completare l'azione di ripristino dei principi di legalità nell'amministrazione». Il commento di Giovanni Barbagallo

Francesco Vasta

Poche righe che incidono ancora nel profondo della vita politica di un Comune dell'Etna. «Su proposta del ministro dell’Interno Luciana Lamorgese, il Consiglio dei ministri ha deliberato la proroga per sei mesi del provvedimento di scioglimento del Consiglio comunale di Trecastagni». Lo ha reso noto il governo al termine dell'odierna seduta a palazzo Chigi presieduta da Giuseppe Conte. L'unica motivazione che viene esplicita da Roma parla di «necessità di completare l’azione di ripristino dei principi di legalità all'interno dell’amministrazione comunale».

La scure del ministero dell'Interno era piombata sul Comune di Trecastagni a maggio 2018. Decisione che fin da subito venne contestata dall'allora sindaco Giovanni Barbagallo, ex eurodeputato del Pd, pur con toni di sobrietà. Pochi mesi prima, il municipio era stato travolto dall'inchiesta Gorgoni della procura di Catania. Nel blitz vennero arrestati due dipendenti comunali: Domenico Sgarlato, capo del settore Lavori pubblici e manutenzione, e Gabriele Astuto, funzionario dello stesso settore. L'accusa a loro carico era di avere favorito, negli appalti della raccolta rifiuti in paese, la ditta EF servizi di Vincenzo Guglielmino, definito dagli inquirenti uomo di contatto tra i clan Cappello e Laudani e morto mesi fa.

L'ex sindaco Barbagallo si era rivolto attraverso dei ricorsi sia alla giustizia amministrativa, con esiti sfavorevoli, che a quella civile. In ultimo caso il procedimento sulla sua incandidabilità si era risolto sancendo il via libera a un suo eventuale riproporsi agli elettori. Una sentenza passata in giudicato del tribunale di Catania aveva stabilito che non c'erano stati contatti fra la mafia e coloro che ricoprivano cariche elettive a Trecastagni. «Siamo l'unico Comune sciolto per mafia senza che la criminalità abbia influito sulla politica, come ha accertato dal giudice e del resto neppure la procura era intervenuta in tal senso», commenta a MeridioNews l'ex primo cittadino.

Barbagallo si mostra poco sorpreso rispetto alla decisione del governo: «Direi che si tratta di una proroga fisiologica, la legge prevede che lo scioglimento duri per 18 mesi più eventuali ulteriori sei mesi. Per il governo c'è un'ampia discrezionalità che, in quasi tutti i casi, viene esercitata decretando la proroga». Ma Trecastagni, per la lunga carriera politica dell'esponente Pd, rimane un capitolo chiuso nonostante le ultime novità: «Per me la sentenza sulla mia candidabilità è stata una vittoria morale, ho dimostrato la mia correttezza. Mi basta questo, continuo a fare politica, ma a Trecastagni è giusto fare spazio ai giovani».

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Combine Catania

Dall'arresto dei vertici della squadra rossazzura alla reazione dei tifosi e della città

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews