Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Elezioni regionali Sicilia 2012, l'analisi
Crocetta crocevia per il voto nazionale?

Rosario Crocetta è il nuovo Presidente, il PdL è in frantumi, il Movimento 5 Stelle ha ottenuto un ottimo risultato e l’astensionismo ha dilagato come non mai. Questa in sintesi è l’analisi, superficiale, che si può scrivere dopo le elezioni regionali in Sicilia. Ma in una prospettiva nazionale, cosa significa il voto siciliano? Prova a spiegarlo l'esperto di comunicazione politica di Ctzen, Mario Grasso, in questo post tratto dal blog Cannoli&Politica

Mario Grasso

Rosario Crocetta è il nuovo Presidente della Regione Siciliana, il PdL è in frantumi, il Movimento 5 Stelle ha ottenuto un ottimo risultato e l’astensionismo ha dilagato come non mai. Questa in sintesi è l’analisi principale che si può scrivere dopo le elezioni regionali in Sicilia.

Volendo ripercorrere l’analisi fatta prima del voto, possiamo considerare corretta la “Legge di Farley”: ha vinto Crocetta nello scontro diretto con Nello Musumeci. Vince grazie anche alla frammentazione del PdL tra un alto tasso di astensionismo dei suoi elettori, lo "scisma" di Gianfranco Micciché e di chi ha voluto “punire” il centrodestra votando il M5S.

Anche la “guerra delle piazze” si è confermata un’illusione: il timore che la venuta di Grillo in Sicilia avesse creato qualche probabilità di eleggere Cancelleri come Presidente si è dimostrato infondato. I voti si conquistano creando una fitta rete di relazioni tra i diversi collegi (politico, elettorale, degli influenti, della concorrenza e dei media).

Certo, il movimento dei grillisti ha raccolto l’insoddisfazione di molti elettori ma se poco più di un cittadino su due non è andato a votare forse bisogna considerare anche quanto i cittadini sentano “vicine” le elezioni regionali. Di solito, le competizioni elettorali più partecipate in Italia sono le amministrative e le politiche. Rimane comunque il fatto che un tasso elevato di astenuti è segno di distanza dalla vita politica aldilà del livello di competizione in gioco.

Il centrosinistra (questa volta possiamo davvero definirlo così) ha vinto grazie a due fattori: il ruolo cruciale dell’UDC e la divisione del centrodestra. L’alleanza con il partito di Casini fa ben sperare progressisti e moderati per un futuro accordo in vista delle elezioni nazionali. Anzi, forse proprio le vicende nazionali hanno influito sul voto siciliano. In un eccesso di lungimiranza, gli elettori siciliani avrebbero potuto votare quei partiti che con molta probabilità si apprestano a governare il Paese creando così una continuità tra la Regione e il futuro governo nazionale.

La mancanza di SEL e degli altri “cespugli” della sinistra non ha influito più di tanto sull’accordo PD-UDC in un contesto elettorale che praticamente non li ha mai visti protagonisti negli ultimi anni.

instabilità governerà la Sicilia. Il ruolo delle alleanze all’Assemblea Regionale Siciliana sarà fondamentale. Bisognerà capire quali sono i temi a rischio per il governo Crocetta. Il principio dell’erestetica, ovvero di stringere alleanze e coalizioni che gli consentano di avere consenso e maggioranza in Parlamento, sarà fondamentale. O forse sarà utile la strategia della “triangolazione” (ideata dal consulente Dick Morris per l’ex Presidente americano Bill Clinton) che porti a una proposta al di sopra delle posizioni degli schieramenti sulle singole questioni da affrontare all’ARS? Staremo a vedere.

Intanto, i riflettori sulle elezioni regionali siciliane cominciano a spegnersi, il clima surriscaldato (forse soltanto un po’ tiepido) della competizione si raffredda e gli elettori tornano alla propria vita quotidiana tra paura e speranza in attesa di risposte da parte della politica.

[Foto: Pierluigi Bersani - Il post originale è su Cannoli&Politica]

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Se la Sicilia trema

Tra poche realtà virtuose e molta impreparazione, viaggio nell'isola ad alto rischio sismico

Etna libera

Attività intensa e imprevedibilità. Per queste ragioni la Prefettura di Catania ha imposto delle restrizioni per l'accesso al vulcano attivo più alto d'Europa. Ma in molti tra scienziati, ambientalisti e semplici appassionati chiedono di sospendere queste misure

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere su smartphone e tablet le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.