Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Toti Lombardo festeggia l'elezione all'Ars
Raffaele sul M5S: «Ragionevoli e sereni»

Ieri sera festa alla Terrazza Ulisse per il figlio dell'ex presidente regionale eletto all'Ars con 9.633 preferenze. Il giovane deputato parla pochi minuti dal palco e dispensa abbracci e baci (a differenza del padre). Il protagonista però è ancora lui, Raffaele, che sembra aver cambiato idea sui candidati del MoVimento 5 stelle. «Dalle cose che dicono, mi sembrano sereni nel giudizio e anche apprezzabili». Non parla di alleanze e invita i presenti ad andarlo a trovare nella sua storica sede catanese, che ha deciso di riaprire

Salvo Catalano

I Lombardo ripartono da dove avevano finito. Con uno di famiglia tra gli scranni dell’Ars e da una festa alla Terrazza Ulisse, la struttura di proprietà della famiglia Virlinzi sulla strada per Ognina. Ieri sera c’era un’aria rilassata in occasione del brindisi per l’elezione del ventiquattrenne Toti Lombardo, spinto al parlamento siciliano da 9.633 preferenze, di cui 2.360 raccolte nella città di Catania. Arrivano separati padre e figlio, come sempre è avvenuto in campagna elettorale, come se appartenessero a due mondi diversi. Toti, circondato dai suoi fedelissimi ventenni, Raffaele accompagnato dalla scorta. Ed è sempre l’ex presidente ad aprire la strada al neo deputato, presentandosi con qualche minuto di anticipo e conversando con i giornalisti. Il tempo per ribadire di «aver preso atto con piacere» dell’elezione di Rosario Crocetta, ma che a proposito del gioco di alleanze per formare la nuova maggioranza lui «non è interessato». «Non sono né il segretario, né il portavoce del mio partito», spiega Lombardo. Ma dove sono andati a finire i 70mila voti di differenza tra le liste che hanno sostenuto Gianfranco Miccichè e quelli presi dal candidato alla presidenza? «Evidentemente ad altri candidati oppure sono stati annullati, dispiace ma è matematico», risponde Lombardo.

Proprio qui una settimana fa aveva lanciato un duro attacco al MoVimento 5 stelle e al metodo di selezione sul web dei suoi candidati. «Grillo sceglie su Internet persone che neanche si conoscono tra loro – aveva detto – Il risultato è che dove hanno vinto, come a Parma, brancolano nel buio. Ditemi il nome di una persona che è candidata con lui, non ne conoscete, è lo stesso principio delle liste bloccate». I siciliani hanno scelto 15 di questi sconosciuti, scrivendone il nome migliaia di volte sulle schede elettorali e li hanno spediti all’Ars. Lombardo adesso sembra osservarli come fa un felino quando si ritrova davanti una preda sconosciuta. «Sentendo parlare questi deputati a 5 stelle – commenta adesso – li trovo molto ragionevoli e sereni nel giudizio e anche apprezzabili per certi versi, dicono delle cose sensate». Qualche minuto dopo, Toti usa toni più sbrigativi: «Quello di Grillo è il partito più di protesta che ci sia oggi in Italia». La vera alternativa, per i Lombardo, resta l’autonomia, o meglio, come sottolinea l’ex presidente dal palco, «l’autodeterminazione sul modello della Catalogna e del Trentino».

Poi Lombardo senior lascia spazio al figlio, non prima di avergli ricordato che quello del politico «è il mestiere più ingrato e difficile del mondo, che non c’è compenso per le ingiustizie che si subiscono». «Non posso che iniziare questa avventura – esordisce Toti – ringraziando te, papà, che mi hai trasmesso questa passione quotidianamente e che mi lasci un patrimonio che non è economico, ma fatto di persone stupende». L’ex governatore, al suo fianco, ha gli occhi lucidi. Il neo parlamentare regionale parla pochi minuti e invita tutti ad avvicinarsi sotto il palco per un abbraccio e «un bacio affettuoso». A quelle ultime parole, Raffaele ride. «Lui bacia», commenta mentre abbraccia il figlio. L'ex presidente invece no. Il vasa vasa che ha contraddistinto il suo predecessore Totò Cuffaro, lo ha sempre evitato. Ma non è bastato a evitargli anche un processo per concorso esterno in associazione mafiosa, di cui proprio ieri mattina si è svolta la prima udienza ufficiale del rito abbreviato. «Stamattina – conclude Raffaele Lombardo – ho riaperto la sede di via De Roberto, dove iniziai nel 1975. Il mio numero di telefono non cambia e, se volete passare a trovarmi, mi troverete lì». L’annunciato buen retiro in campagna rischia di diventare un nuovo attivismo catanese.

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Se la Sicilia trema

Tra poche realtà virtuose e molta impreparazione, viaggio nell'isola ad alto rischio sismico

Etna libera

Attività intensa e imprevedibilità. Per queste ragioni la Prefettura di Catania ha imposto delle restrizioni per l'accesso al vulcano attivo più alto d'Europa. Ma in molti tra scienziati, ambientalisti e semplici appassionati chiedono di sospendere queste misure

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×