Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Borgo, ritorna a colpire la gang delle ruote
Furti nei pressi della caserma Sommaruga

Potrebbero essere sempre gli stessi malviventi che hanno agito a inizio mese. Le modalità d'azione sono identiche. Via i pneumatici e macchine lasciate su dei blocchi di cemento. Nel mirino una Fiat Panda e una Toyota Yaris

Dario De Luca

Tutto nello stesso quartiere. Tra via Orto de Limoni, via Rosselli e via Josemaria Escrivà. Via le ruote e macchine lasciate su alcune alzatine rudimentali, fatte di mattoni in cemento e tavolette di legno. In due settimane i colpi messi a segno, da quella che sembra a tutti gli effetti una gang organizzata, sono stati almeno tre. Gli ultimi due la notte scorsa, nei pressi della casa circondariale di piazza Lanza e a due passi dalla caserma dell'esercito Sommargua, che ospita il 62esimo reggimento della fanteria Sicilia. Ai ladri però sembra essere interessato davvero poco.

Anche perché il primo colpo della notte scorsa è avvenuto lungo via Josemaria Escrivà, a poche decine di metri dal muro della caserma. I ladri hanno portato via quattro pneumatici con i relativi cerchioni di una Toyota Yaris. Lo stesso modello di macchina che avevano depredato la notte del 5 settembre scorso, davanti a un panificio di via Orto dei Limoni. «Avevo parcheggiato la macchina intorno alle 21.30 - racconta il proprietario a MeridioNews - Questa mattina mi sono accorto del fatto».

Il secondo colpo della nottata è avvenuto a poche decine di metri, lungo via Rosselli. Qui i proprietari di una Fiat Panda stamattina hanno trovato la stessa scena. Macchina senza ruote e mezzo poggiato su delle alzatine. Ad agire potrebbe essere la stessa gang. I colpi si concentrano infatti nella medesima zona e le alzatine utilizzate sono praticamente identiche. Ad aiutare le forze dell'ordine potrebbe essere un video e qualche fotografia che un turista ha effettuato mentre si consumava il primo colpo e che avrebbe consegnato alla proprietaria del mezzo. 

L'uomo ha raccontato a MeridioNews di avere notato due malviventi di circa 30 anni. «Uno aveva i capelli neri e barba, mentre l'altro era pelato. Tutto è durato circa dieci minuti, hanno smontato le ruote con la chiave usata dai meccanici e le hanno caricate nella loro macchina». Intanto cresce la preoccupazione tra i residenti della zona

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Combine Catania

Dall'arresto dei vertici della squadra rossazzura alla reazione dei tifosi e della città

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews