Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Ira di Lo Monaco su Biagianti, Bucolo e Marchese
Richiesta di deferimento federale per i primi due

Sono stati giorni ad altissima tensione in casa Calcio Catania. Il capitano Marco Biagianti, Rosario Bucolo e Giovanni Marchese sono stati messi fuori lista. Per i primi due, inoltre, la società avrebbe inoltrato richiesta di deferimento federale

Giorgio Tosto

Foto di: Calcio Catania Spa Official

Foto di: Calcio Catania Spa Official

La mancata convocazione in occasione della gara tra Catania e Potenza ha fatto rumore e, dato ciò che è successo nelle ore successive, era solamente l'antipasto della bufera. Marco Biagianti, Rosario Bucolo e Giovanni Marchese, infatti, non sono tre rossazzurri qualunque. Il primo è lo storico capitano della squadra, giocatore scoperto dallo stesso Pietro Lo Monaco dalla D e lanciato sui campi della massima serie il giorno del drammatico spareggio per la permanenza in A, poi vinto contro il Chievo nel maggio del 2007. Toscano, classe 1984, ha legato a Catania e al Catania la sua vita professionale e sentimentale, accettando di tornare alle falde del Vulcano dopo che la squadra era precipitata in Serie C. Saro Bucolo è invece l'emblema dell'essere catanese: ragazzo cresciuto nelle giovanili etnee, è rientrato nel 2016 dopo un girovagare tra tanti campi della terza serie.

Giovanni Marchese, nisseno di Delia, ha legato all'Elefante le sue migliori annate in Serie A, tra 2011 e 2013: quelle che, poi, gli sono valse la chiamata del Genoa. Questi tre calciatori, per motivi simili, rappresentano dunque la memoria storica della società, assieme all'ormai capitano in pectore Francesco Lodi. La notizia della loro esclusione ha provocato un ovvio terremoto, rinforzato dalle parole del direttore Lo Monaco che, il giorno dopo la vittoria sulla Viterbese, ha diramato un duro comunicato stampa. «Le mancate convocazioni odierne dei calciatori Rosario Bucolo, Giovanni Marchese e Marco Biagianti, ancorché infortunato, sono dettate da gravi motivi disciplinari, prontamente evidenziati e sottoposti all’attenzione degli organi federali competenti».

Non si ha la prova provata di quello che è realmente successo a Torre del Grifo nei giorni successivi alla trasferta di Potenza. L'evidenza però è che si tratti di tre episodi differenti che, alla fine, sono confluiti in un'unica presa di posizione da parte della società. Marco Biagianti e Rosario Bucolo avrebbero avuto un pesante alterco con il direttore: l'unica ricostruzione al momento esistente è quella di Alessandro Vagliasindi (Repubblica), che ha evidenziato come la lite tra i tre sarebbe avvenuta dopo un'irruzione di Lo Monaco negli spogliatoi lo scorso giovedì, in cui l'amministratore delegato avrebbe comunicato ai tre calciatori in questione la fine della loro esperienza con la maglia rossazzurra. 

I motivi che avrebbero portato a questa scelta sono di natura comportamentale. Biagianti, stando a quanto ricostruito, avrebbe abbandonato la sala riunioni in cui si stava analizzando in video la gara tra Catania e Potenza, dopo che Camplone ha chiesto a Lodi di commentare la gara per primo, in quanto capitano. Una delegittimazione che, quindi, non sarebbe andata giù al numero 27 etneo. Bucolo, invece, pagherebbe l'arrivo in amichevole a Giarre con un proprio mezzo e non col bus della società: comunicazione non arrivata, a quanto pare, per un telefonino non funzionante. Discorso diverso per Marchese che, invece, non rientrerebbe più nei piani societari e per il quale si starebbe lavorando alla risoluzione immediata del contratto.

Gli episodi appena descritti non possono che far tornare in mente le dichiarazioni di mister Walter Novellino pochi giorni dopo l'esonero dello scorso giugno. «Si è dato retta a giocatori finiti che salivano sul colle e magari davano il proprio punto di vista. I giocatori devono solo pensare a fare i giocatori. Chi sono? Non sono di certo Lodi, Marchese e Llama. Qualcuno ha remato contro». La mente, in quel caso, era andata proprio a Biagianti che, chiamato in causa, si era difeso scrivendo un post su Instagram: «Come ho detto anche a lui a seguito di questo spiacevole episodio (per me) - aveva affermato Biagianti - sarebbe stato più giusto evitare di fare questo genere di interviste che insinuano dubbi, non portano a nulla e lasciano solo strascichi negativi; o si fanno i nomi oppure meglio tacere (e sarebbe stata sicuramente la miglior cosa)». A Catania, la polveriera è definitivamente scoppiata. 

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Combine Catania

Dall'arresto dei vertici della squadra rossazzura alla reazione dei tifosi e della città

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere su smartphone e tablet le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews