Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Sant'Agata, i nomi del comitato per i festeggiamenti 
Come presidente l'imprenditore vinicolo Tomasello

Ad affiancarlo ci saranno anche il noto legale Carmelo Peluso e l'ex sovrintendente Fulvia Caffo. C'è poi il funzionario delle Attività produttive Giampaolo Adonia. Si chiude la stagione di Francesco Marano, nominato nel 2015 durante la sindacatura di Enzo Bianco

Dario De Luca

Foto di: Vinohadrianus

Foto di: Vinohadrianus

Un lavoro portato avanti sottotraccia con un nome mai pronosticato negli ultimi mesi. Sarà Riccardo Tomasello a guidare per il prossimo biennio il comitato per i festeggiamenti della festa di Sant'AgataL'organismo che ha visto la luce nel 2015 e che per due mandati ha avuto come presidente Francesco Marano, ex segretario regionale del Partito democratico fedelissimo dell'ex sindaco Enzo Bianco. Secondo i rumors delle ultime settimane, Marano avrebbe anche potuto continuare la sua esperienza grazie a una particolare deroga al regolamento. Lo stesso che impone la nomina al ruolo direttivo per un massimo di due mandati consecutivi con scadenza fissata al 15 settembre. Curia e Comune di Catania, cioè gli attori che devono trovare l'accordo sui nomi, hanno però deciso di spostare l'asticella in direzione di Tomasello

Il nuovo presidente, nato nel 1978 e originario di Paternò, è un grande appassionato di arte antica. L'impegno primario è però quello nel settore dei vini come imprenditore. Campo, quest'ultimo, che spesso affianca con il sociale grazie all'inserimento nelle sue cooperative di soggetti svantaggiati. Il 41enne non  è certo uno sconosciuto agli occhi del sindaco Salvo Pogliese e del vescovo Salvatore Gristina. Con il primo ha collaborato, nella veste di coordinatore degli eventi per il polo museale delle Ciminiere, in occasione dell'anniversario dello sbarco delle forze alleate in Sicilia durante la seconda guerra mondiale. 

Con la curia invece ha dato via al progetto Natura divina. Cominciato nel 2014 con l'affidamento alla cooperativa Bios, presieduta da Tomasello, di alcuni terreni nella Piana di Catania. Un esperimento di agricoltura sociale che ha portato alla coltivazione di diverse tipologie di carciofi. C'è poi il vino, prodotto in un terreno che si trova nel territorio del Comune di Nicolosi. 

Ad affiancare Tomasello in questa sfida ci sarà anche l'avvocato Carmelo Peluso. Noto penalista etneo dei colletti bianchi. Tra i suoi clienti il più famoso è l'ex direttore ed editore del quotidiano La SiciliaMario Ciancio Sanfilippo. Accanto al legale ci sarà, come vicepresidente, il professore Giovanni Russo, l'ex sovrintendente ai Beni culturali Fulvia Caffo, il funzionario delle Attività produttive del Comune di Catania Giampaolo Adonia. Completano la rosa Giuseppe Puccio Gennarino, ex capo di gabinetto della provincia di Catania, andato in pensione nel 2011, e la notaia Maria Grazia Tomasello, per lei l'esperienza da presidente del Lions Catania Bellini

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Combine Catania

Dall'arresto dei vertici della squadra rossazzura alla reazione dei tifosi e della città

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×