Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Mafia, 40 arresti per traffico e spaccio di droga
Nel mirino i clan Cappello-Bonaccorsi e Cursoti

La polizia ha smantellato un sodalizio criminale responsabile di associazione per delinquere finalizzata al traffico e spaccio di sostanze stupefacenti aggravata dal metodo mafioso

Redazione

La polizia di Stato, su delega della procura distrettuale della Repubblica di Catania, ha eseguito un’ordinanza di applicazione di misure cautelari a carico di un sodalizio criminale responsabile di associazione per delinquere finalizzata al traffico e spaccio di sostanze stupefacenti aggravata dal metodo mafioso.

L’operazione denominata Tricolore vede il coinvolgimento di 40 destinatari di provvedimenti restrittivi appartenenti (30 in carcere e dieci agli arresti domiciliari) a due distinte consorterie criminali, operanti nel capoluogo etneo e riconducibili ai gruppi criminali del clan Cappello-Bonaccorsi e di quello dei Cursoti Milanesi.

L’indagine, avviata nel gennaio del 2017 dalla squadra mobile di Catania e coordinata dalla procura distrettuale, ha consentito di acquisire significativi elementi di colpevolezza a carico di due gruppi mafiosi, operanti nel centro cittadino e particolarmente attivi nel traffico di sostanze stupefacenti attraverso il controllo, continuativo e permanente, di un intero quartiere del capoluogo etneo. 

L’attività investigativa ha dimostrato l’esistenza, nel rione popolare di San Berillo Nuovo, di due distinte piazze di spaccio di sostanze stupefacenti (cocaina e marijuana), a breve distanza l’una dall’altra. La prima in corso Indipendenza angolo via La Marmora gestita dal gruppo mafioso riconducibile al clan mafioso Cappello-Bonaccorsi, con a capo Lorenzo Christian Monaco, ovvero colui che aveva ricevuto da Salvatore Bonaccorsi - figlio di Concetto Bonaccorsi ed esponente apicale dei Carateddi (oggi entrambi collaboratori di giustizia), l’investitura per gestire l’attività, preoccupandosi anche di definire i confini con gli altri gruppi mafiosi operanti sul territorio. La seconda, invece, operativa in zona limitrofa alla prima in via San Leone, è gestita da diversi soggetti riconducibili al clan dei Cursoti Milanesi. 

Il confine tra le due piazze - dopo aspri dissidi che avevano visto alcuni soggetti vicini al clan dei Cursoti Milanesi percorrere armati le vie della città per contrastare i rivali - veniva contrassegnato dall’apposizione di due distinte bandiere, quella degli Stati Uniti d’America per il clan dei Cappello-Bonaccorsi, quella del Milan per il clan dei Cursoti Milanesi

Nel gennaio del 2017, erano stati arrestati in flagranza alcuni pregiudicati, sodali a Rosario Pitarà inteso Sarettu u furasteri, storico esponente di rango apicale del clan mafioso dei Cursoti Milanesi, in possesso di numerose armi da guerra e armi da fuoco clandestine, in procinto di compiere un’azione di carattere dimostrativo contro il clan rivale. Nel corso dell’attività d’indagine sono stati acquisiti elementi consolidati in ordine alle capacità dei due gruppi mafiosi di imporre il loro controllo sul territorio tramite un articolato sistema di pusher, vedette e custodi della sostanza stupefacente che garantivano la gestione, prolungata e continuativa, delle due piazze di spaccio, nonostante alcuni interventi delle forze dell’ordine che avevano arrestato alcuni dei sodali. 

L’operazione, denominata Tricolore, intende riaffermare la presenza delle istituzioni all’interno di aree cittadine, trasformate in mercati della droga a cielo aperto, e difese dai gruppi mafiosi anche attraverso l’uso di armi. Il connotato di stampo mafioso del sodalizio criminale è confermato dal contesto investigativo di riferimento da cui si è appreso che i proventi dello spaccio non solo sono destinati all’autofinanziamento della consorteria criminale ma anche al mantenimento dei sodali in carcere, secondo noti e consolidati clichè che impongono ai soggetti non raggiunti da misure restrittive di contribuire al sostentamento dei sodali, soprattutto di quelli aventi un ruolo apicale. 

Le indagini hanno consentito di individuare non solo i fornitori delle piazze di spaccio, legati alla criminalità organizzata campana, ma anche di risalire a soggetti che sin da subito sono apparsi coinvolti nel favoreggiamento della latitanza di Concetto Bonaccorsi, storico boss, unitamente al fratello Ignazio, dell’omonima famiglia, detta dei Carateddi, alleata con il clan Cappello. Il monitoraggio telefonico e l’osservazione dei movimenti di tali soggetti, orbitanti in provincia di Pistoia, sono sfociati nell’aprile del 2017 nell’individuazione dell’abitazione in cui Bonaccorsi si era rifugiato, consentendone l’arresto dopo una latitanza che andava avanti dal settembre del 2016.

Meridio rubriche

Leggi tutte le rubriche

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore RMB s.r.l.
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Palazzo di cemento, storia di uno sgombero

Per decenni la torre C3 Moncada di Librino è stata il simbolo dell'illegalità. Dalla scorsa primavera, il Comune di Catania ha condotto una lunga battaglia per strapparla agli occupanti. La vicenda dello stabile-simbolo di una periferia, dalla sua costruzione ai contrasti tra gli ex-abitanti e ...

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×