Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Fontanarossa, la Cgil concede una tregua alla Sac
Siglato il primo accordo, ma l'attenzione resta alta

La gestione dell'aeroporto di Catania ha fatto un passo verso i sindacalisti, per ottenere una pausa nelle ostilità. Nei giorni scorsi, la Camera del lavoro di Catania aveva fatto scendere in campo perfino il segretario generale Maurizio Landini

Gabriele Patti

Foto di: Aeroporto di Catania su Facebook

Foto di: Aeroporto di Catania su Facebook

«Abbiamo raggiunto l’accordo con la Sac e determinato parametri fissi nell’applicazione della clausola sociale di sito». Le parole di Alessandro Grasso, segretario generale Filt Cgil, in rappresentanza del sindacato confederale a sigle riunite, insieme a Mauro Torrisi (Filt Cisl) e Mario Marino (Ugl trasporto aereo), dopo due settimane di denuncel’intervento del segretario generale Cgil Maurizio Landini, chiude il primo passaggio della concertazione con i vertici dell’azienda che gestisce l'aeroporto Vincenzo Bellini di Catania. «Con la clausola - spiega il sindacalista - si eviterà il dumping tra le aziende». Vale a dire il ribasso dei costi sulle spalle dei lavoratori.

La clausola sociale di sito viene inserita negli appalti al fine di promuovere la stabilità occupazionale del personale impiegato. Clausola, questa, che risulta già operativa perché dettata dal Contratto collettivo nazionale di categoria, ma prima non determinava il numero reale dei passaggi dei dipendenti da un’azienda ad un'altra. Adesso, invece, con l'intesa tra la Sac e i sindacati, «abbiamo fissato dei parametri regolari e proporzionati alla tipologia», aggiunge Grasso. Fatto che dovrebbe determinare, secondo i sindacalisti, più sicurezze ai lavoratori e «la certezza del costo del personale».

Presenti all’incontro dello scorso 23 settembre tra sindacati, Sac, Enac e le tre aziende di handling (Gh Catania, Aviation services e Alia partner le società che si occupano delle operazioni relative al carico, lo scarico, il controllo tecnico, la pulizia, il rifornimento di un velivolo e l’assistenza a terra dei passeggeri), anche i vertici della Uil Trasporti. Il sindacato guidato dal segretario generale Salvo Bonaventura, però, non ha ancora messo nero su bianco la propria adesione all’accordo. «Abbiamo chiesto ventiquattro ore di tempo – spiega Bonaventura a MeridioNews – per sottoporlo a tutte le Rsa dell’aeroporto e oggi pomeriggio (mercoledì) abbiamo convocato un coordinamento di scalo per far comprendere a tutti ciò che stiamo facendo». Per il sindacato, dunque, l’accordo è sospeso in attesa di essere approvato dalla base.

Per le altre organizzazioni sindacali l’intesa resta «un passo importante ma non decisivo», puntualizza il segretario Filt Alessandro Grasso. «Perché non risolve tutti i problemi che abbiamo denunciato nel corso di queste settimane». Al centro delle polemiche ci sono il carico di lavoro e il rischio licenziamento per più di 50 dipendenti Sac. Una questione destinata a tenere ancora banco almeno fino al prossimo incontro con i vertici della società guidata dall’ad Nico Torrisi. «Al momento – spiega Grasso - tutto il sistema aeroportuale si regge sugli ammortizzatori sociali».

Raggiunto un primo accordo, le richieste dei sindacati non sembrano placarsi. «Ora – continua - ci aspettiamo che intervenga il gestore e che lo scalo venga limitato e blindato. Fare entrare ulteriori handler produrrebbe dei danni incredibili». E su questo la Sac sembra aver dichiarato la propria disponibilità, ma resta alta la preoccupazione relativa al numero, in continuo aumento, di passeggeri che transitano dallo scalo etneo. «Andrebbe limitato – secondo Grasso - perché l’aeroporto è stato costruito per circa sei milioni di passeggeri, ora sfioriamo i dieci».

I nodi ancora da sciogliere attengono ai servizi non sufficienti e al rischio viabilità sulla rampa. Sono questi i temi sui quali, nelle prossime settimane, si aprirà la successiva fase di concertazione. «Se tutto andrà per il verso giusto – sottolinea Grasso -, bene, altrimenti daremo il via a una stagione vertenziale».   

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Combine Catania

Dall'arresto dei vertici della squadra rossazzura alla reazione dei tifosi e della città

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere su smartphone e tablet le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews