Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Provincia, Lombardo nomina il commissario
Crocetta:« Non mi metta in imbarazzo»

Michelangelo Lo Monaco è stato nominato commissario straordinario per la provincia di Catania dal governatore uscente della regione Sicilia. Uomo a lui vicino e con numerosi incarichi importanti nella pubblica amministrazione. La sua nomina non manca di scatenare polemiche. Attacchi arrivano dal presidente dimissionario della Provincia, Giuseppe Castiglione, al nuovo governatore Rosario Crocetta che dice: «Lombardo mi eviti imbarazzi»

Desirée Miranda

È Michelangelo Lo Monaco il commissario straordinario per la gestione della provincia regionale di Catania dopo le dimissioni di Giuseppe Castiglione che ha scelto di dimettersi per correre alle prossime politiche in primavera. E ieri, nel giorno della sua ultima conferenza stampa da presidente, è arrivata la notizia della nomina del nuovo commissario da parte del dimissionario Raffaele Lombardo. Nomina che però non ha mancato di scatenare polemiche sia a destra che a sinistra.

«Lombardo non ha perso occasione e il giorno prima di traslocare da palazzo D’Orléans ha lasciato un altro segno del suo passaggio», dice Castiglione che comunque augura buon lavoro al suo successore.

Neanche Rosario Crocetta, neo eletto governatore dei siciliani alle elezioni del 28 ottobre, ha gradito. Considera, infatti, gli ultimi atti del presidente e della giunta decaduta una zavorra e con una lettera a Lombardo annuncia la sospensione di molti di questi provvedimenti in autotutela. «A parte i criteri di legittimità che, sono sicuro, gli uffici avranno valutato attentamente, essendo noto che nel periodo precedente e successivo alle elezioni non è possibile per legge dare alcun contributo – scrive Crocetta - non vorrei trovarmi di fronte a molti provvedimenti da dover annullare in autotutela». Pertanto il neo presidente conclude con l’esortazione a non «farmi trovare in situazioni che potrebbero crearmi imbarazzo».

Lo Monaco, invece, dichiara di non capire le motivazioni di tali polemiche e definisce la sua nomina un atto di responsabilità da parte del presidente uscente Lombardo «per porre in essere, con assoluta tempestività, l’attività amministrativa necessaria ad evitare il dissesto finanziario dell’Ente». Dichiara poi che l'aspetto economico è quello che più lo preoccupa. «Incontrerò i dirigenti dell’Ente per capire quali sono le ulteriori urgenze ed emergenze, dando priorità assoluta al risanamento finanziario», conclude.

Toccherà quindi a Michelangelo Lo Monaco traghettare la Provincia etnea verso la stabilizzazione economica. Resta ancora da approvare il bilancio consuntivo del 2011, nonostante i termini di legge siano scaduti da mesi, così come la nuova fase di rimodulazione territoriale avviata dal governo nazionale guidato da Mario Monti. Considerato uomo molto vicino a Lombardo, Lo Monaco ha già ricoperto numerosi incarichi nella pubblica amministrazione. È stato segretario generale per i comuni di Feroleto Antico, San Gregorio e Viagrande. Di questi ultimi è stato anche direttore generale e componente del nucleo di valutazione.

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Se la Sicilia trema

Tra poche realtà virtuose e molta impreparazione, viaggio nell'isola ad alto rischio sismico

Etna libera

Attività intensa e imprevedibilità. Per queste ragioni la Prefettura di Catania ha imposto delle restrizioni per l'accesso al vulcano attivo più alto d'Europa. Ma in molti tra scienziati, ambientalisti e semplici appassionati chiedono di sospendere queste misure

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere su smartphone e tablet le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.