Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Discarica Tiritì, no da Motta e Misterbianco
I cittadini si rivolgono alla Corte europea

Mentre i comuni che sorgono nei pressi della discarica di contrada Tiritì si muovono per fare ricorso al piano regionale di gestione dei rifiuti, i cittadini mottesi e misterbianchesi pensano di rivolgersi a Bruxelles per fermare l'allargamento dell'impianto. La capacità potenziale delle nuove vasche è di tre milioni di metri cubi, per quello che diventerà l'impianto emergenziale più grande dell'isola. E i debiti dell'Ato 3 aggiungono altri disagi

Carmen Valisano

Il comune di Motta Sant'Anastasia ha autorizzato l'impugnazione del piano regionale di gestione dei rifiuti. L'amministrazione mottese era parsa quella più restia a opporsi alla decisione della Regione, firmata lo scorso giugno, che prevede l'allargamento della discarica gestita dalla Oikos spa di contrada Tiritì, in via di chiusura per saturazione. La struttura, nella contigua contrada Valanghe d'inverno, si trova a ridosso del comune di Misterbianco, ma sul suolo di Motta. Secondo i cittadini dei due paesi, riuniti in due comitati che si oppongono alla decisione, si tratta della creazione di un impianto nuovo (non di un ampliamento) dalla capacità potenziale di tre milioni di metri cubi. Praticamente il sito emergenziale più grande dell'isola.

Nel piano, la Regione ha individuato nel Catanese tre siti «con volumi potenziali disponibili». L’impianto di Grotte San Giorgio a Catania e quello di contrada Tiritì che hanno spazio residuo per poco più di 600mila metri cubi, e il costruendo impianto di contrada Valanghe d’inverno. Il sindaco di Misterbianco Nino Di Guardo aveva già manifestato l'intenzione di presentare ricorso, chiedendo di fare fronte comune durante un Consiglio comunale mottese al quale era stato invitato. Invece il collega mottese, Angelo Giuffrida, è stato un fermo sostenitore della tesi secondo la quale si doveva attendere la pubblicazione del piano nella Gazzetta ufficiale regionale prima di poter adire a vie legali. Un migliaio di cittadini mottesi avevano firmato una petizione per poi sfilare lo scorso 15 settembre assieme ai vicini di Misterbianco fino ai cancelli dell'impianto, ma la decisione di affidare l'incarico ai legali è giunta solo mercoledì. Quando manca poco meno di una settimana al termine ultimo per poter ricorrere.

Parallelamente all'azione dei due comuni, i cittadini mottesi e misterbianchesi si sono uniti per dar vita ad un ricorso alla Corte di giustizia europea. Nelle prossime settimane, attraverso un incontro e una colletta pubblici, la denuncia - che non è sottoposta agli stessi vincoli temporali della giustizia italiana - arriverà a Bruxelles. Intanto i lavori in contrada Valanghe d'inverno procedono spediti: la prima delle tre vasche è già pronta, la seconda è in fase di allestimento e per la terza è già stata scavata l'enorme buca che servirà da contenitore per i rifiuti di tutta la Sicilia.

Oltre ai danni ambientali, però, i disagi per gli abitanti rischiano di aumentare a causa dei debiti di alcuni comuni dell'hinterland proprio nei confronti della Oikos. Ieri e oggi le porte della discarica di contrada Tiritì sono rimaste chiuse ai camion provenienti dall'Ato 3, debitrice di più di un milione di euro (1.127.331,80 di euro) per il periodo gennaio-agosto 2012. Pugno ferreo della ditta, nonostante la proposta di pareggiare i conti attraverso l'acquisizione di un credito simile vantato proprio dal comune di Motta (1.052.917,26 di euro). Oggi sono passati solo i mezzi provenienti dalle amministrazioni che sono riuscite ad anticipare parte dei fondi (Belpasso, Biancavilla, Camporotondo, San Pietro Clarenza e Misterbianco). Per gli altri - Paternò, Adrano, Santa Maria di Licodia, Ragalna e, paradossalmente anche Motta - l'emergenza continua.

 

[Foto di Giorgia Capozzi, fotomontaggio di Carmelo Liseo]

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Se la Sicilia trema

Tra poche realtà virtuose e molta impreparazione, viaggio nell'isola ad alto rischio sismico

Etna libera

Attività intensa e imprevedibilità. Per queste ragioni la Prefettura di Catania ha imposto delle restrizioni per l'accesso al vulcano attivo più alto d'Europa. Ma in molti tra scienziati, ambientalisti e semplici appassionati chiedono di sospendere queste misure

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×