Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Le idee dei cittadini sul futuro del Vittorio Emanuele
«Processo di partecipazione per scegliere che farci»

Il futuro del presidio ospedaliero di via Plebiscito sembra ormai segnato: l'amministrazione regionale ha rilevato il complesso per realizzare un polo museale. La rete di associazioni D'Ove - Ripensare la città chiede un tavolo di confronto sulla destinazione

Marta Silvestre

Foto di: Elvira Tomarchio

Foto di: Elvira Tomarchio

Il futuro dell' ex ospedale Vittorio Emanuele di Catania sembra oramai segnato: l'amministrazione regionale ha rilevato il complesso per realizzare un polo culturale museale. Dopo l'annuncio della convenzione che sancisce il trasferimento del presidio ospedaliero di via Plebiscito dall'amministrazione dell’azienda sanitaria Policlinico Vittorio Emanuele San Marco alla Regione, dal comitato cittadino D'Ove - Ripensare la città hanno scritto una lettera aperta indirizzata al governatore Nello Musumeci, al sindaco di Catania Salvo Pogliese e al direttore generale dell'Asp Maurizio Lanza per chiedere, ancora una volta, un tavolo di confronto

«La destinazione degli enormi spazi serviti per decenni a funzioni ospedaliere ormai dismesse rappresenta - scrivono gli attivisti - una scelta di grande rilievo per le sorti sociali e urbanistiche del quartiere e della città . Solo un’accurata analisi dei bisogni e delle esigenze, che scaturiscono anche da un processo di partecipazione, può evitare errori che non potranno che ripercuotersi sulla città e sulle donne e gli uomini che la abitano».  Evitare l'abbandono, mettere da parte le mire dei vandali e pensare a un recupero funzionale alle esigenze del quartiere. Sono queste le tre linee che hanno guidato le diverse associazioni che si sono messe in rete per dare vita al comitato D'Ove.

«Le ipotesi di riuso ipotizzate sembrano improvvisate e denotano la mancanza di un approccio ragionato al problema », denunciano facendo riferimento anche al progetto del polo museale che «ci sembra non sfuggire a un approccio superficiale». La prima volta che viene messa sul tavolo questa soluzione è la fine di dicembre del 2018. È il presidente Musumeci ad annunciarla a Palazzo d'Orleans, durante la cerimonia di auguri per le feste natalizie alla stampa. Fino a quel momento, l'idea che andava per la maggiore era quella di sistemarci mensa, alloggi, aule studio, palestra, biblioteca e altri punti di aggregazione in grado di offrire servizi per gli studenti. La proposta era stata lanciata, nel 2013, dall'allora candidato sindaco Enzo Bianco.

«Il riuso dei quattro ospedali coinvolti (Vittorio Emanuele, Santo Bambino, Santa Marta, Ferrarotto, ndr) costituisce un’occasione importantissima di rigenerazione e riqualificazione urbana; mentre - scrivono dal comitato - il loro uso non appropriato potrebbe avere refluenze fortemente negative non solo nel quartiere ma nell’intera città. Si ritiene per questi motivi indispensabile che le ipotesi definitive di riuso siano precedute da uno studio-programma ». Quello che chiedono gli attivisti è che si analizzino e si individuino «le strategie e gli obiettivi da perseguire con il riuso e le possibili fonti di finanziamento per gli interventi di rigenerazione». 

Altra preoccupazione, nell'attesa dell'utilizzo definitivo, è quella della «vandalizzazione e del conseguente avanzare del degrado sia fisico che socio-economico. Occorre - aggiungono - che l’ente proprietario si assuma la responsabilità della custodia delle aree ». Per fare fronte a questo, il comitato ha ipotizzato alcuni usi temporanei «secondo un’idea di polifunzionalità , compatibili con gli spazi esistenti, con costi contenuti di avvio e in grado di svolgere una funzione di presidio». Tra le ipotesi messe sul campo dal comitato ci sono  servizi sanitari di prossimità (prevenzione, diagnostica, consultorio, poliambulatorio, igiene e profilassi, servizi sociali);  spazi verdi attrezzati; spazi per la cultura, lo sport e il tempo libero; alloggi temporanei per soggetti in difficoltà (migranti, sfrattati per morosità incolpevole, senzatetto); spazi artigianali e mercatali.

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Combine Catania

Dall'arresto dei vertici della squadra rossazzura alla reazione dei tifosi e della città

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews