Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Catania dichiara lo stato di emergenza climatica

Redazione

Foto di: Fridays for future

Foto di: Fridays for future

Ieri, 2 ottobre 2019, il Consiglio comunale di Catania ha impegnato la giunta e il sindaco a dichiarare lo stato di emergenza climatica e ambientale, come era stato richiesto nell’incontro tra il primo cittadino Salvo Pogliese e una delegazione dei 15mila manifestanti al corteo per il clima del 27 settembre. Si tratta di un’azione simbolica con cui il Comune di Catania riconosce il grave stato di crisi ambientale in cui si trova il Pianeta, dovuto alle conseguenze del cambiamento climatico, e si impegna a intraprendere azioni concrete e di sensibilizzazione per fronteggiare l’emergenza.

«Si tratta di un importante passo in avanti, con cui l’istituzione comunale decide di smettere di ignorare il grave problema nel quale ci troviamo», dichiara Paolo Putrino, portavoce del movimento Fridays for future, che da mesi organizza flash mob e azioni di protesta. «Questo dimostra che la pressione e la determinazione delle 15mila persone che hanno deciso di manifestare con noi il 27 settembre riesce a smuovere le istituzioni dall’immobilismo in cui si trovano - prosegue Putrino - e per questo nei prossimi mesi sarà importante continuare a manifestare, perché alla dichiarazione vogliamo che seguano i fatti: un piano per azzerare le emissioni entro il 2030, incrementare il numero degli alberi, mobilità sostenibile, migliorare la gestione del rifiuto sono solo alcuni dei provvedimenti senza i quali la dichiarazione di emergenza è una carta vuota».

A conclusione della manifestazione dello scorso venerdì infatti una delegazione del movimento Fridays for future era stata convocata dal sindaco per discutere le rivendicazioni nei confronti dell’amministrazione comunale. Nel corso dell’incontro era stato consegnato nelle mani del primo cittadino un documento contenente l’elenco dettagliato delle azioni che il Comune avrebbe dovuto intraprendere per ridurre il proprio impatto ambientale.

«La mozione votata il Consiglio comunale non dettaglia azioni concrete, ma si limita a impegnare l’amministrazione a tenere conto degli effetti che le iniziative politiche e amministrative hanno sul clima, a collaborare con altri enti affinché il governo vari un piano per affrontare l’emergenza e ad iniziare attività informative e di sensibilizzazione», aggiunge Sofia Tortorici, referente del movimento di Catania. «Sicuramente un fatto positivo, ma che rappresenta molto meno rispetto a quello che il Comune dovrebbe fare e alle nostre richieste. Finché la situazione resterà questa per noi sono solo parole, adesso bisogna passare ai fatti: se il Comune ha riconosciuto lo stato di emergenza ci aspettiamo che un’emergenza venga trattata come tale, cioè con provvedimenti adeguati e repentini», conclude.

(Fonte: Comunicato stampa Fridays for future Catania)

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Combine Catania

Dall'arresto dei vertici della squadra rossazzura alla reazione dei tifosi e della città

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews