Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Ispezione della Dia alla società Dusty di Catania
Controlli decisi dal prefetto sugli appalti dei rifiuti

Gli uomini della Direzione investigativa antimafia del capoluogo etneo si sono presentati, questa mattina, nei cantieri e nella sede legale della società che si occupa della raccolta della spazzatura in diversi Comuni della provincia. Compresa Catania

Redazione

«Accesso ispettivo disposto dalla prefettura di Catania alla Dusty». Lo comunica la Direzione investigativa antimafia del capoluogo etneo, che sta controllando - in questi minuti - la sede legale e quelle operative dell'azienda che si occupa della raccolta dei rifiuti in diversi Comuni della provincia etnea, compreso quello di Catania. Gli uomini della Dia sono alle isole ecologiche etnee, quella di Gravina di Catania, Misterbianco, Paternò e Sant'Agata Li Battiati, e negli autoparchi di Giarre e Motta Sant'Anastasia.

L'accesso ispettivo è stato deciso dalla prefettura ai sensi del codice antimafia. «Per l'espletamento delle funzioni volte a prevenire infiltrazioni mafiose nei pubblici appalti, il prefetto dispone accessi ed accertamenti nei cantieri delle imprese interessate all'esecuzione di lavori pubblici», si legge nell'articolo 93 della normativa di riferimento. 

Le operazioni di accesso ispettivo sono coordinate dal centro operativo della Dia di Catania e vengono svolte con la collaborazione della questura e dei comandi provinciali dei carabinieri e della guardia di finanza. Nel corso degli accertamenti viene impegnato anche personale dell'ispettorato del lavoro.

«Siamo lieti che le istituzioni sottopongono le imprese del settore ai giusti controlli per reprimere eventuali infiltrazioni mafiose», dichiara Rossella Pezzino De Geronimo, amministratrice unica dell'azienda. «Non è in atto nessun accertamento di natura giudiziaria - prosegue - ma solo un normale accesso amministrativo».

Meridio rubriche

Leggi tutte le rubriche

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore RMB s.r.l.
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Palazzo di cemento, storia di uno sgombero

Per decenni la torre C3 Moncada di Librino è stata il simbolo dell'illegalità. Dalla scorsa primavera, il Comune di Catania ha condotto una lunga battaglia per strapparla agli occupanti. La vicenda dello stabile-simbolo di una periferia, dalla sua costruzione ai contrasti tra gli ex-abitanti e ...

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×