Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Aci Catena, dopo più di due anni apre la biblioteca
Termina l'odissea del settecentesco Palazzo Riggio

Dal 2018 si attendeva la certificazione antincendio da parte dei vigili del fuoco. Documento che è arrivato qualche mese fa e ha permesso l'inaugurazione del nuovo spazio cittadino. Ci troveranno posto i libri spostati dal quartiere Santa Lucia

Carmelo Lombardo

Foto di: Carmelo Lombardo

Foto di: Carmelo Lombardo

Dopo due anni e più apre la biblioteca di Palazzo Riggio. Lo storico monumento settecentesco che si trova nel cuore del centro storico di Aci Catena finalmente potrà ospitare libri e i locali per la lettura e le conferenze, con tanto di sistema di ricerca digitalizzato. Dopo una lunga ristrutturazione ultimata nel 2010, era in cantiere l’idea di dotare Aci Catena di una biblioteca spaziosa grazie a un finanziamento. Da quasi due anni, però, l’amministrazione e gli uffici comunali aspettavano un certificato antincendio da parte dei vigili del fuoco. Il documento è arrivato qualche mese fa. Stamani, davanti agli studenti le autorità – comando provinciale e locale dei carabinieri, polizia locali, guardia di finanza di Acireale e il prefetto Claudio Sammartino - il primo cittadino Nello Oliveri ha potuto inaugurare quello che durante la mattinata è stato definito più volte un presidio di cultura e legalità.

L’iter burocratico per la biblioteca, che è stata intitolata al poeta catenoto Francesco Guglielmino, era partito già con il sindaco Ascenzio Maesano. Successivamente, dopo l’arresto dello stesso Maesano, accusato di corruzione, nel 2017 il commissario Enzo D’Agata portò avanti il progetto. I libri della vecchia biblioteca che si trovava nel quartiere di Santa Lucia vennero trasferiti a Palazzo Riggio nell’attesa che questo aprisse: ma da quel momento fino ad oggi Aci Catena non ha avuto una biblioteca, né un luogo dove gli studenti potessero svolgere attività culturali. 

Nel frattempo, in questi due anni il problema della biblioteca è arrivato anche sui banchi del Consiglio comunale. L’opposizione consiliare, infatti, anche alla luce degli articoli di questa testata, ha più volte interpellato l’amministrazione sull’argomento. La giunta comunale, da parte sua, ha invitato sempre alla pazienza nell’attesa che venisse prodotto il certificato da parte dei vigili del fuoco. In una delle tante risposte date dall’amministrazione era stata svelata l’idea ambiziosa di un sodalizio tra Aci Catena e Torino che avrebbe portato alcuni resti presenti del famoso Museo Egizio nei nuovi locali di Palazzo Riggio. L’idea, secondo quanto era stato affermato dall’assessore Angelo Russo nel corso di una seduta consiliare di febbraio 2018, sarebbe stata appoggiata dal presidente della Regione Nello Musumeci. Ma l'azzardo non ha avuto un seguito, almeno fino a ora.

Oggi Aci Catena può vedere valorizzato uno dei luoghi storici più importanti, negli anni oggetto di incurie e di atti di inciviltà da parte di alcuni vandali che hanno costretto il sindaco anche a interdire temporaneamente l’accesso ai passanti. «Questo è un messaggio ai giovani – commenta a MeridioNews – perché la cultura è un dialogo costante a fondamento della democrazia: per una società basata sulla legalità e il rispetto reciproco». La presenza del prefetto ad Aci Catena arriva dopo l’opera di perlustrazione sul territorio svolta in collaborazione col comando provinciale dei carabinieri di Catania, che nei giorni scorsi ha visto impiegate diverse forze dell’ordine, seguito anche da un allarme criminalità lanciato dal sindaco. «In questo luogo si realizza il bene comune al servizio dei cittadini», continua.

Il sindaco Oliveri definisce l’inaugurazione di oggi come «una bella pagina di storia locale, per una sede messa a disposizione per tutti quelli che volessero essere ospiti della biblioteca e di Aci Catena, che nel passato ha dato lustro a tanti cittadini di spessore culturale e letterario di altissimo livello». La biblioteca insieme al Fondo antico, riaperto ad agosto nei locali del municipio, contiene 14mila volumi. Gli orari sono ancora da definire, ma dalla prossima settimana potrà essere aperta tutti i pomeriggi e due giorni alla settimana sarà accessibile anche di mattina. Per informazioni gli addetti comunali hanno messo a disposizione il seguente numero: 095805157.

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Combine Catania

Dall'arresto dei vertici della squadra rossazzura alla reazione dei tifosi e della città

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere su smartphone e tablet le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews