Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Corruzione dentro Anas, si allarga l'inchiesta della Gdf
«Ispezioni concordate». Via alle verifiche sui carotaggi

Dopo le rivelazioni di alcuni degli arrestati sono cominciati i controlli dei militari nei cantieri. Il primo è quello della strada statale 114, lo stesso in cui ha lavorato l'imprenditore nisseno che avrebbe pagato una maxi tangente da 30mila euro

Dario De Luca

Foto di: Wikipedia

Foto di: Wikipedia

«I punti in cui vengono effettuati i carotaggi, da parte delle ditte esterne, venivano concordati con l'imprenditore e poi indicati a tali ditte, in modo tale da garantire l'esito positivo dei controlli». Ispezioni studiate a tavolino che avrebbero garantito una percentuale d'insuccesso ridotta a zero. Si tratta di una delle tante rivelazioni finite agli atti dell'inchiesta Buche d'oro su un presunto giro di corruzione annidatosi negli uffici della direzione compartimentale catanese dell'AnasEd è proprio dalle parziali ammissioni di uno degli arrestati, geometra Giuseppe Panzica, che venerdì pomeriggio sono partite le prime verifiche della Guardia di finanza sulle tecniche di campionamento. 

Sotto la lente d'ingrandimento è finito un pezzo della strada statale 114 Orientale sicula, tra gli svincoli di Villasmundo e Siracusa. Lo stesso in cui la scorsa estate ha lavorato l'impresa del nisseno Salvatore Truscellil'imprenditore, anche lui finito indagato, che avrebbe pagato una maxi tangente da 30mila euro ai tre funzionari Anas. Sul posto per effettuare nuovamente le verifiche, sotto la supervisione dei militari e a quanto pare su disposizione della procura guidata da Carmelo Zuccaro, sono andati i tecnici Anas del Centro sperimentale di Cesano, in provincia di Roma. Definito, come si legge nel sito web, «la punta d'eccellenza» per la certificazione sulla qualità degli interventi nelle varie infrastrutture. 

I controlli in questione però non saranno un caso isolato. Secondo alcune fonti giudiziarie presto le verifiche dovrebbero allargarsi a macchia di leopardo. Perché, almeno stando alle dichiarazioni degli arrestati, le ispezioni studiate a tavolino dentro Anas Catania sarebbero state una costante. Un capitolo a parte è quello che riguarda la fresatura e l'applicazione del bitume. Due operazione che le ditte avrebbero portato avanti al risparmio, come raccontato ai pm dall'ingegnere Giuseppe Romano. «In occasione di un'alluvione - raccontava l'indagato - un lavoro eseguito da Contino (anche lui finito in carcere, ndr) si era raggrinzito, verosimilmente perché non era stato usato il collante».

Passato il clamore dei fermi il lavoro della Guardia di finanza continua senza sosta anche all'interno degli uffici di via Basilicata. Sono infatti almeno tre le visite che i militari hanno effettuato nei giorni scorsi per portare via documenti e incartamenti vari. Truscelli, stando al quadro ricostruito dagli inquirenti, non sarebbe l'unico ad avere aperto il portafoglio. E anche dentro Anas, come si legge da verbali e intercettazioni, sono diversi i dirigenti su cui sono in corso approfondimenti

In attesa di scoprire le prossime puntate di questa storia è cominciata anche una sorta riorganizzazione interna. A fine settembre il responsabile per il coordinamento territoriale per la Sicilia, l'ingegnere Valerio Mele, ha disposto alcune sostituzioni. Per quanto riguarda il centro A, Daniele Licciardo ha preso il posto dell'ingegnere Antonino Urso. Due le modifiche nel centro D: Giovanni Di Maria diventa capo centro in sostituzione dell'indagato Riccardo Contino. Stesso discorso per Panzica, anche lui finito dietro le sbarre e con il suo posto assegnato a Filippo Santonocito. E l'inchiesta della procura etnea ha avuto ripercussioni anche sugli spostamenti interni già programmati da tempo. Alcuni dirigenti destinati fuori Sicilia sono stati temporaneamente bloccati nell'Isola per supportare l'inchiesta delle fiamme gialle

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Combine Catania

Dall'arresto dei vertici della squadra rossazzura alla reazione dei tifosi e della città

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews