Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Ternana-Catania 3-2, in trasferta continua l'incubo
I rossazzurri in vantaggio si sciolgono nella ripresa

Il Catania cade anche a Terni, rimediando la quarta scoppola consecutiva in trasferta. Etnei avanti con Mazzarani, ma ripresi dai locali che, a inizio ripresa, vanno rapidamente sul 3-1. Inutile la rete di Di Piazza: la vetta della classifica, così, è sempre più lontana

Giorgio Tosto

Foto di: Eleven Sports

Foto di: Eleven Sports

Due lampi in 90 minuti non possono chiaramente bastare. La Ternana batte con merito il Catania, grazie a un buon primo tempo e a un inizio veemente di ripresa, decisivo nello stendere i rossazzurri. Gli etnei ripropongono i classici difetti esibiti quest'anno in trasferta: approccio molle, errori difensivi in serie, poco coraggio in fase offensiva. Il vantaggio firmato da Mazzarani al 16' ha trovato la pronta replica degli umbri, bravi prima a pareggiare, poi a schiacciare gli etnei a inizio secondo tempo. Sul 3-1 i padroni di casa abbassano troppo la guardia, permettendo a Di Piazza di siglare un gol che però è buono soltanto per aggiornare i tabellini. 

Mister Camplone sceglie Biondi per Pinto in difesa, con Dall'Oglio che rileva invece Rizzo a centrocampo. Il primo tempo è divertente e intenso sin da subito. Il Catania rischia di commettere lo stesso errore di Reggio Calabria, concedendo una prateria a Ferrante che, su lancio di Partipilo, spreca subito una grande occasione davanti a Jacopo Furlan. Rossazzurri in affanno e Ternana che prova a sbloccarla: al minuto otto l'ex Bergamelli non sfrutta una punizione da sinistra di Mammarella, colpendo di testa a lato da buona posizione: 60 secondi dopo è Silvestri a immolarsi su un cross pericoloso di Federico Furlan, rischiando l'autorete. Il Catania bussa alla porta di Iannarilli al 12', con un gran destro di Dall'Oglio su punizione di Lodi.

È il preludio al vantaggio etneo che giunge, a sorpresa, poco dopo il quarto d'ora. Volata di Calapai a destra che fa secco Mammarella e mette palla in mezzo per Mazzarani, splendido nel battere Iannarilli con una precisa conclusione di interno collo destro. Ancora il numero 32 rossazzurro prova a replicare al 18', ma il suo tiro è parato a terra dal portiere di casa. La Ternana però non perde il bandolo della matassa e ricomincia a far gioco, con Federico Furlan che svaria dalla trequarti alla fascia destra, mettendo in croce Biondi. Al minuto 20 Jacopo Furlan sventa un diagonale da sinistra di Partipilo: il portiere rossazzurro, poi, è miracoloso su una zuccata di Ferrante, dopo che Silvestri aveva salvato sulla linea un'altra sua conclusione a colpo sicuro.

Ancora Mazzarani prova a pizzicare Iannarilli, bravo a sventare la minaccia: il pareggio umbro, meritato, arriva però alla mezz'ora. Federico Furlan mette in mezzo l'ennesimo cross da destra, con Mbende che per anticipare Partipilo butta la palla nella propria porta. Il Catania però è bravo a non accusare il colpo, chiudendo bene la prima frazione. L'inizio della ripresa è un vero e proprio incubo a tinte rossoverdi. Al 47' giunge infatti il 2-1 della Ternana, Furlan indisturbato mette in mezzo da destra: Paghera, a centro area, ha tutto il tempo di battere il portiere etneo con una conclusione a fil di palo. Passano altri quattro minuti e arriva la terza rete delle Fere. Su angolo battuto da sinistra, Bergamelli ha un contatto in area con Biondi che, incredibilmente, devia di tacco in caduta nella propria porta.

Il Catania si scioglie in maniera definitiva e la Ternana a questo punto diminuisce i giri del motore, pensando soltanto a gestire la rimanente mezz'ora. La reazione giunge solo al 60' con un cross dell'ottimo Calapai che trova la testa di Di Piazza: Iannarilli è superlativo nel salvataggio. Camplone butta nella mischia Barisic che si fa notare in occasione del gol della bandiera: all'83' lo sloveno duetta con Llama e scodella un gran pallone in mezzo, trasformato in rete da Di Piazza. L'ingresso nel finale di Curiale, però, non cambia le sorti della gara. Il Catania rimedia al Liberati la quarta sconfitta consecutiva in trasferta, allontanandosi a -7 dalla vetta e confermandosi la quarta peggiore difesa del Girone C (14 reti subite in 8 gare). Numeri che preoccupano: continuando così, la B è un sogno lontanissimo. 

Il tabellino:

Ternana-Catania 3-2

Marcatori: 16' Mazzarani, 30' aut.Mbende, 47' Paghera, 51' aut. Biondi, 83' Di Piazza.

Ternana (4-3-1-2): 24 Iannarilli; 11 Parodi, 15 Suagher, 27 Bergamelli, 3 Mammarella; 28 Salzano, 5 Palumbo, 20 Paghera (63' Damian); 7 Furlan (69' Celli); 9 Ferrante (76' Vantaggiato), 33 Partipilo (76' Marilungo). All: Gallo.

Catania (4-3-3): 1 Furlan; 26 Calapai, 3 Mbende, 5 Silvestri, 21 Biondi (88' Curiale); 23 Dall'Oglio (67' Llama), 10 Lodi, 6 Welbeck; 32 Mazzarani (77' Rossetti), 9 Di Piazza, 8 Di Molfetta (67' Barisic). All: Camplone.

Arbitro: Matteo Gariglio di Pinerolo.

Note: ammoniti Parodi, Bergamelli, Salzano e Vantaggiato (Ternana), Silvestri, Dall'Oglio, Mazzarani e Llama (Catania). Espulso Palumbo (Ternana).

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Combine Catania

Dall'arresto dei vertici della squadra rossazzura alla reazione dei tifosi e della città

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews