Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Asili nido, la protesta delle ausiliarie non riassunte
«Non abbiamo ceduto al ricatto sul nostro lavoro»

Le retribuzioni arretrate da una parte, il futuro lavorativo dall'altra. «Mi sono rifiutata di firmare un documento in cui mi veniva chiesto di rinunciare al decreto ingiuntivo e sono stata lasciata a casa», denuncia a MeridioNews Rita Lo Faro

Marta Silvestre

Foto di: markusspiske

Foto di: markusspiske

«Abbiamo protestato per difendere la nostra dignità, il nostro posto di lavoro e i nostri soldi. Non possiamo accettare quello che per noi è, a tutti gli effetti, un ricatto occupazionale». A parlare a MeridioNews è Rita Lo Faro, una delle operatrici della cooperativa Glicine che si occupa dei servizi di pulizia, mensa e assistenza all'interno dei nove asili comunali catanesi

Gli stipendi arretrati da una parte, il futuro lavorativo dall'altra. «Non ho avuto nessun dubbio su come agire e mi sono rifiutata di firmare un documento in cui mi veniva chiesto di rinunciare a ciò che mi spetta». Un foglio che la signora Rita ha lasciato in bianco dove si legge «dichiara di rinunciare al decreto ingiuntivo che, pertanto, deve essere considerato come mai emesso, nonché alle azioni esecutive poste in essere per ottenere il pagamento delle somme dovute». 

Creditrici di una decina di mensilità non percepite, le operatrici hanno chiesto e ottenuto dal tribunale di Catania un decreto ingiuntivo di fronte al quale la cooperativa Glicine ha proposto un'opposizione che ancora oggi è pendente. Intanto, il tribunale ha concesso la provvisoria esecuzione del decreto ingiuntivo «ed è pendente - si legge nel documento da compilare inviato alle lavoratrici - una azione esecutiva di pignoramento presso terzi per il soddisfacimento del suo credito». Per risolvere la controversia in atto si chiede alle operatrici di rinunciare al decreto ingiuntivo e, quindi, anche alle retribuzioni passate

«Io non ho firmato e, come me, anche altre 26 operatrici e nessuna di noi è stata riassunta», lamenta Lo Faro che questa mattina, durante la giornata di accoglienza per i bambini alla quale erano presenti anche il sindaco Salvo Pogliese e l'assessore ai Servizi sociali Giuseppe Lombardo, insieme alle ex colleghe si è presentata per manifestare davanti ai cancelli dell'asilo nido Giostra dei bimbi di via Calipso. Alcune delle operatrici rimaste senza lavoro hanno esperienza trentennale nel settore e famiglie dove il loro era l'unico stipendio garantito. «Nel frattempo - aggiunge - è stato assunto altro personale» per i tre mesi per cui la cooperativa ha ottenuto la proroga del servizio in attesa di potere fare la gara d'appalto il prossimo gennaio.  

«Quando abbiamo avuto chiaro il quadro della operatività del servizio - spiega l'assessore Lombardo a MeridioNews - ho convocato il titolare della cooperativa e le sigle sindacali». Durante l'incontro dello scorso 1 ottobre è l'assessore a rappresentare la «necessità di riassumere tutto il personale ausiliario che ha operato in questi anni. In quell'occasione - aggiunge - il sindacato più rappresentativo delle operatrici interessate sembrava d'accordo per la conciliazione». Nel tavolo sindacale, poi, il presunto accordo si risolve in un nulla di fatto. «Anche oggi, dopo avere ascoltato le operatrici - dice Lombardo - ho richiamato il titolare della cooperativa per sollecitarlo in quella direzione consapevole però che il mio ruolo non può andare oltre il monito e non può entrare in conflitto con la libera iniziativa di un privato».

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Combine Catania

Dall'arresto dei vertici della squadra rossazzura alla reazione dei tifosi e della città

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere su smartphone e tablet le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews