Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Aci Catena butta fuori lo sportello antiracket
«Troveremo una sede», e intanto porte chiuse

Aperto nel 2014, la sede catenota di Libera impresa chiude le porte a chi voglia denunciare. Almeno per il momento – così come afferma l’amministrazione -, fino a quando non si troveranno altri locali. Sono circa 13 le denunce che ha raccolto

Carmelo Lombardo

Foto di: Carmelo Lombardo

Foto di: Carmelo Lombardo

Chiude, almeno per il momento, lo sportello antiracket di Aci Catena. La targhetta che campeggia sulla parete dell’auditorio intitolato a Orazio Vecchio, dove l’associazione Libera impresa dava ascolto a chiunque avesse voluto denunciare minacce ed estorsioni da parte della criminalità, stamattina è stata asportata dallo stesso responsabile Salvatore Strano

La decisione è arrivata in seguito a una determina sindacale del 20 agosto scorso, con la quale il primo cittadino Nello Oliveri ordinava la consegna delle chiavi al Comune. La concessione – come riportato nel documento a firma di Oliveri – è scaduta nel 2016. Dopo quell’anno, fino ad oggi, non è mai più stata rinnovata. Ma Salvatore Strano si difende: «Quando nel 2016 scadde la concessione si era insediato il commissario Enzo D’Agata, dopo l’arresto dell’ex sindaco Ascenzio Maesano – spiega a MeridioNews -. Lui ci aveva comunicato che sullo sportello antiracket non era necessario alcun rinnovo della concessione». Successivamente si è insediata l’attuale amministrazione. E Strano, il 16 ottobre del 2018, ha inviato una richiesta di rinnovo all’assessora Flavia Fortino, che ai tempi ne aveva la competenza. 

«Non ci è stata fornita alcuna risposta alla nostra richiesta – precisa -, noi abbiamo aspettato, convinti di un tacito assenso che mettesse tutto in regola». Inoltre, l’amministrazione ha ordinato ai responsabili dello sportello anche il pagamento delle utenze di acqua e luce: passaggio che è evidenziato anche nella prima convenzione che lo sportello antiracket ha sottoscritto: «Pagheremo le somme - continua -, stiamo aspettando che vengano conteggiate. Diamo questa notizia con rammarico, ma abbiamo sottoposto quest’ordine di chiusura anche al prefetto Claudio Sammartino: attendiamo risposta». 

Il Comune di Aci Catena, intanto, ad agosto ha segnalato l’allarme criminalità allo stesso prefetto, costituendo un comitato di sicurezza: questo passaggio ha portato a dei controlli al tappeto su tutto il territorio. Adesso, come comunicato dall’assessore Angelo Russo che stamattina ha risposto alle domande dei giornalisti, «lo sportello antiracket verrà riaperto in altre sedi, sempre ad Aci Catena – replica -. L’amministrazione vuole portare in questi locali degli uffici pubblici per ammortizzare dei fissi passivi. Stiamo pensando di assegnare all’ufficio antiracket un locale confiscato alla mafia».

L’ufficio antiracket Libera impresa di Aci Catena è aperto dal 2014. Da quella data ad oggi lo sportello ha aiutato circa tredici persone, per la maggior parte imprenditori, di cui ha seguito l’iter fino al supporto delle forze dell’ordine. Tra questi, due persone con le loro testimonianze hanno aiutato gli inquirenti a far luce sull’inchiesta Aquilia, con cui si è fatto luce sulle dinamiche della criminalità organizzata che ha interessato l’Acese dall’inizio degli anni Duemila. Sebastiano Salibra, imprenditore di Aci Catena, è uno dei due che due anni fa, a causa delle tante richieste estorsive, grazie alle sue segnalazioni ha dato il via all’inchiesta. «La chiusura dello sportello antiracket per me, cittadino, rappresenta una piccola ostruzione – sottolinea -. Posso testimoniare la dedizione delle forze dell’ordine e dello sportello, ma devo indicare l’indifferenza da parte della politica».

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Combine Catania

Dall'arresto dei vertici della squadra rossazzura alla reazione dei tifosi e della città

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews