Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Aci Catena, primi rinvii a giudizio per i Santapaola
Gli interessi del clan tra droga, estorsioni e politica

La gup Anna Maria Cristaldi ha accolto la richiesta della Dda di processare gli imputati che hanno chiesto il rito ordinario. Per chi ha optato per l'abbreviato è ripresa l'udienza preliminare nel carcere di Bicocca. A novembre il turno dell'ex deputato Pippo Nicotra

Simone Olivelli

È ripresa nell'aula terza del carcere di Bicocca l'udienza preliminare del processo Aquilia sulle attività del clan Santapaola-Ercolano ad Aci Catena. Il blitz, scattato un anno fa, portò all'arresto anche di Pippo Nicotra, il 63enne imprenditore e politico, finito in carcere con le pesanti accuse di concorso esterno in associazione mafiosa, voto di scambio politico-mafioso e tentata estorsione. Di Nicotra, che da tempo si trova ristretto ai domiciliari, oggi però non si è parlato. 

All'ordine del giorno, infatti, c'era la posizione degli imputati che hanno chiesto di essere giudicato con il rito abbreviato. Prima, però, la gup Anna Maria Cristaldi ha rinviato a giudizio coloro che il 17 settembre avevano scelto il rito ordinario. Tra loro Camillo Brancato, Giovanni Cammarata, Cirino Cannavò, Concetta Cannavò, Gabriele Privitera, Nino Quattrocchi e Mario Musmarra. Successivamente il sostituto procuratore Marco Bisogni, ha discusso le accuse a carico di buona parte delle figure accusate di fare parte dell'organigramma dei Santapaola-Ercolano nel centro catenoto. 

A indicarli come tali sono stati i collaboratori di giustizia Santo La Causa e Mario Vinciguerra. Il primo in passato a capo dell'ala militare della famiglia mafiosa etnea, il secondo reggente della cosca nella città del limone verdello a inizio anni Duemila. Entrambi hanno parlato delle attività criminali messe in atto su più fronti: dalle estorsioni ai commercianti della zona agli affari legati al mondo della droga, fino agli intrecci con la politica. Ed è in quest'ambito che emerge la figura di Nicotra. Già sindaco di Aci Catena a inizio anni Novanta, quando il consiglio comunale venne sciolto per i rapporti da lui intrattenuti con il boss Nuccio Coscia, e a metà anni Duemila, Nicotra è stato anche deputato regionale per tre legislature. Una carriera politica costellata dal passaggio in tanti partiti - dal Nuovo Psi all'Mpa, dal Pdl all'Udc, per passare poi ad Articolo 4 e infine al Pd - ma anche, secondo la Dda di Catania, dalla vicinanza a Cosa nostra.

In cambio di sostegno economico alle famiglie dei detenuti, favori e assunzioni di persone indicate dalla cosca, Nicotra avrebbe ottenuto voti in occasioni delle competizioni elettorali. I legami sarebbero stati tali da portare il 63enne a chiedere l'intervento dei Santapaola per dirimere controversie di carattere privato con un socio della ditta edile della moglie. Tutte accuse a cui Nicotra, sin dai primi interrogatori seguiti all'arresto, ha risposto dichiarandosi vittima della mafia. L'imprenditore, che ha costruito le proprie fortune economiche nel settore della grande distribuzione, ha raccontato di essere stato costretto a pagare il pizzo da metà anni Settanta. Una sudditanza che negli ambienti investigativi era stata ipotizzata già nel 2009 ma che Nicotra, dopo una prima ammissione al maresciallo dei carabinieri di Aci Catena, aveva negato davanti ai magistrati, finendo per essere indagato per favoreggiamento.

L'episodio è stato ricostruito dal pentito La Causa. Lo stesso ha raccontato ai magistrati di un incontro avuto con Nicotra vicino a un suo supermercato, per il quale La Causa, all'epoca latitante, si sarebbe presentato travestito da benzinaio con l'intento di chiedere al politico catenoto un intervento per chiedere il cambio di destinazione d'uso di alcuni terreni agricoli che il mafioso voleva acquistare ma anche il pagamento del pizzo per alcuni capannoni aperti da Nicotra nella zona industriale di Catania. Fatti che verranno analizzati a partire da novembre.

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Combine Catania

Dall'arresto dei vertici della squadra rossazzura alla reazione dei tifosi e della città

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews