Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Bambina nasce morta all'ospedale di Acireale
«Parametri buoni, vogliamo chiarezza sui fatti»

Una famiglia di Aci Catena ha presentato un esposto, ottenendo dalla procura di Catania l'apertura di un'inchiesta. «Vogliamo sapere se ci sono delle responsabilità», afferma il legale Giovanni Avila. L'Asp di Catania ha avviato un'indagine interna

Francesco Vasta

«Volevamo mantenere un profilo basso, in attesa di capirci di più, ma a questo punto le cose cambiano». L'avvocato Giovanni Avila difende la coppia che poche ore fa ha assistito alla morte della loro figlia durante il parto. «La bambina nell'utero era viva, tutti i parametri erano apposto, poi si è verificata una disgrazia su cui però la famiglia vuole vederci chiaro», spiega a MeridioNews. Le sue parole seguono la nota dell'Asp di Catania che ha reso pubblica la vicenda avvenuta all'ospedale di Acireale fra domenica e lunedì sera.

Una donna di Aci Catena, domenica sera, si presenta al nosocomio con le acque già rotte. «Non c'era nessun sintomo che facesse pensare a complicazioni per l'imminente parto», sottolinea il legale della coppia. Poi, circa trenta ore dopo, l'ingresso in sala parto dove però tutto sarebbe andato storto. «Ad assistere c'erano il marito e la madre della puerpera e quello che sosteniamo è che al momento della nascita si è verificata un'anossia che ha causato la morte della nascitura. Vogliamo sapere se ci sono delle responsabilità su questo», aggiunge Avila. La famiglia ha chiesto il sequestro della salma e documentazione sanitaria, ottenendolo dalla procura di Catania che ha aperto un'inchiesta. Il reato ipotizzato è di omicidio colposo.

Attraverso il comunicato, l'Asp ha fatto sapere di aver avviato delle verifiche interne sull'accaduto attraverso l'invio ad Acireale del dirigente responsabile dell'Unità operativa Qualità e Rischio clinico e di un dirigente medico della Direzione sanitaria. «Dalle prime verifiche - fanno sapere i sanitari - non emergerebbero responsabilità degli operatori. Sono comunque in corso ulteriori approfondimenti».

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Combine Catania

Dall'arresto dei vertici della squadra rossazzura alla reazione dei tifosi e della città

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews