Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Estorsione a Giarre, per la difesa al più era truffa
Entro fine ottobre il giudice emetterà la sentenza

Ieri, davanti al giudice dell'udienza preliminare, a parlare sono stati i legali di Roberto Bonaccorsi e Francesco Messina, due dei tre indagati. Entro la fine del mese è attesa la decisione per chi ha scelto l'abbreviato

Salvo Catalano

Non un'estorsione, tutt'al più una truffa. È stata questa la tesi difensiva dell'avvocato del 54enne Roberto Bonaccorsi, uno dei tre giarresi accusati di aver sottoposto a estorsione e pestato il commerciante Tonino Torrisi, titolare di attività commerciali e costruttore nel paese ionico. 

Ieri pomeriggio, davanti al giudice per l'udienza preliminare Luigi Barone, è toccato alle difese prendere la parola. L'avvocato Francesco Trombetta, che difende Bonaccorsi, ha ricordato il pregresso rapporto di conoscenza che legava la vittima con il suo assistito. «Sono pure usciti per mangiare insieme», ha precisato. 

Agli atti ci sono le intercettazioni ambientali in cui Bonaccorsi avanza la richiesta estorsiva a Torrisi: «In tutti questi anni ti sei fatto i cazzi tuoi - dice al commerciante, che nel frattempo si è rivolto ai carabinieri e si è presentato all'appuntamento con addosso le microspie messe dai militari - non hai portato i soldi a nessuno, quindi ora si cambia. Devi pagare 50mila euro di arretrati, mille euro per i negozi, e come fanno tutti il 2 per cento per le costruzioni». Secondo il legale, queste frasi sarebbero state solo un artificio per far pagare Torrisi. E che l'appartenenza al clan sarebbe stata solo millantata

A parlare è stato anche Cristofero Alessi, avvocato del 52enne Francesco Messina, che deve rispondere non solo di estorsione ma anche di lesioni aggravate. Avrebbe infatti assistito al pestaggio che il commerciante avrebbe subito a opera di Tiziano Russo (il terzo imputato) nel complesso delle case popolari conosciuto come Il ghiaccio. 

Il legale ha chiesto il proscioglimento di Messina per insufficienza di elementi a suo carico, sottolineando come il Tribunale del Riesame per lo stesso motivo aveva annullato la misura cautelare in carcere. Messina si trova comunque detenuto perché coinvolto nell'operazione Smack forever che, a novembre 2018, ha decapitato il clan Laudani a Giarre. Rimane dunque in carcere accusato di associazione mafiosa ed estorsione.

Il processo continuerà il 23 ottobre, quando a parlare saranno gli avvocati di Russo. Entro la fine del mese è attesa la sentenza per Bonaccorsi (rito abbreviato) e la decisione sul rinvio a giudizio per Messina e Russo.

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Combine Catania

Dall'arresto dei vertici della squadra rossazzura alla reazione dei tifosi e della città

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere su smartphone e tablet le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews