Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Gli devastano l'azienda, ma il processo è fermo
L'imputato torna libero, nonostante le denunce

Per l'imprenditore Sebastiano Costa il copione è sempre lo stesso. L'ultimo rinvio, a gennaio 2020, soltanto due settimane fa. Il fatto più grave a marzo 2015, quando vennero presi a picconate i muri dell'azienda che stava ristrutturando 

Dario De Luca

Da un lato c'è un imprenditore che non ci ha pensato due volte e ha denunciato subito pesanti danneggiamenti, presumibilmente a scopo di estorsione. Dall'altro una macchina giudiziaria che procede al passo della lumaca. Perché, passati quasi tre anni, il processo in cui l'imprenditore di Zafferana Etnea Sebastiano Costa è parte offesa stenta addirittura a cominciare. Difetti di notifica, la maternità della giudice e alcuni intoppi tecnici hanno causato una serie di rinvii. Così per la prossima udienza bisognerà aspettare gennaio 2020. Lungaggini capaci di esaurire anche i tempi della custodia cautelare del principale imputato, il pluripregiudicato zafferanese Lucio Patanè.

L'uomo, da tutti conosciuto in paese con l'appellativo di Nerone, lasciata la prigione sarebbe tornato a farsi notare dalla sua presunta vittima. Almeno secondo la ricostruzione contenuta nell'ultima denuncia dell'imprenditore, presentata ai carabinieri il 2 marzo scorso. Da qui è scaturito un divieto di avvicinamento nell'arco di 500 metri. Ma la misura a cui era stato sottoposto Patanè è stata poi revocata dal tribunale del Riesame. Un argine a questa lentezza giudiziaria aveva provato a metterlo l'Associazione antiestorsione di Catania Libero Grassi, presente a processo come parte civile

Il caso era stato sollevato nei mesi scorsi in modo formale con una richiesta di anticipazione udienza. Depositata in cancelleria dopo il rinvio dell'8 febbraio 2019, giorno in cui un giudice onorario, in assenza della presidente Maria Lina Matta, aveva fatto slittare tutto a gennaio 2020. Il successo di Asaec è stato però soltanto a metà. Ottenuta un'udienza anticipata il 4 ottobre si è comunque arrivati a un nuovo rinvio al prossimo anno. Decisiva questa volta l'assenza di una avvocata per lutto.

Alla sbarra insieme a Patanè c'è Ida Musumeci, accusata di essere la mandante di una serie di danneggiamenti che avrebbe portato a termine il pregiudicato. Nel mirino, come raccontato da MeridioNews, finirono i rinnovati locali dell'azienda Oro dell'Etna, di proprietà di Costa. Secondo l'accusa Musumeci, all'epoca dei fatti titolare di uno stand abusivo per la vendita del miele, non avrebbe gradito la concorrenza dell'imprenditore a due passi dalla sua attività commerciale. In realtà Patantè, secondo l'ipotesi dell'accusa, sarebbe anche il responsabile dell'incendio della macchina dell'imprenditore.

Dopo le denunce le indagini dei carabinieri della compagnia di Giarre vennero chiuse nel giro di pochi mesi già nell'estate 2016. Patanè, finito in manette e sottoposto a custodia cautelare, veniva descritto dal giudice per le indagini preliminari come un soggetto che denotava «un non comune istinto alla devastazione eretta a sistema di vita». L'anno successivo, ad aprile 2017, l'apertura del dibattimento per una storia in cui i titoli di coda sembrano ancora un lontano miraggio. 

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

Combine Catania

Dall'arresto dei vertici della squadra rossazzura alla reazione dei tifosi e della città

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere su smartphone e tablet le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews