Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Rifiuta di pagare il pizzo e viene picchiato dall'estortore
In manette 39enne legato al clan Cappello-Bonaccorsi

Andrea Giuffrida avrebbe chiesto al titolare di una concessionaria di motoveicoli nel centro di Catania ben cinquemila euro. Dopo il no, l'aggressione ma anche la denuncia alla polizia. Adesso l'uomo è stato arrestato con l'accusa aggravata dall'appartenenza al clan

Redazione

Un esercente di Catania non paga il pizzo e viene aggredito, ma denuncia tutto alla polizia e fa arrestare il suo presunto taglieggiatore. Andrea Giuffrida, 39 anni, è così finito in manette con l'accusa di tentata estorsione aggravata dal metodo mafioso. L'ordinanza di custodia cautelare in carcere, emessa dal giudice per le indagini preliminari, fa seguito alle indagini condotte da procura e squadra mobile di Catania che hanno ricostruito i fatti, risalenti allo scorso marzo.

Secondo l'accusa Giuffrida, «avvalendosi della forza intimidatrice derivante dall'appartenenza al clan Cappello-Bonaccorsi» avrebbe picchiato il titolare di una concessionaria di motoveicoli che si era rifiutato di pagare cinquemila euro. La vittima, in quell'occasione, aveva riportato un trauma facciale e lesioni al cuoio capelluto. Il 39enne era peraltro sottoposto alla misura di prevenzione della sorveglianza speciale con obbligo di soggiorno.

Nel comunicato congiunto di procura e polizia, si evidenzia infine il forte collegamento che Giuffrida avrebbe con il clan Cappello-Carrateddi, avendo egli riportato una condanna nell’ambito della nota operazione Revenge risalente al 2015. Il gip, nell’ordinanza, ha riconosciuto l'aggravante di «aver commesso il fatto agendo da appartenente al l'organizzazione mafiosa».

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

Combine Catania

Dall'arresto dei vertici della squadra rossazzura alla reazione dei tifosi e della città

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere su smartphone e tablet le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews