Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

I distributori di assorbenti autogestiti nelle scuole 
L'iniziativa degli studenti: «Il ciclo non è un lusso»

L'idea arriva dal gruppo Liberi pensieri studenteschi. Le scatole di cartone sono già state collocate nei bagni di due istituti scolastici. «Un'iniziativa - spiega Emma a MeridioNews - con cui risvegliare anche lo spirito di solidarietà femminile»

Marta Silvestre

«Il ciclo non è un lusso». È questo il motto che ha ispirato il gruppo di Liberi pensieri studenteschi (Lps) a realizzare dei distributori di assorbenti autogestiti e di collocarli nei bagni delle donne degli istituti scolastici Principe Umberto di Savoia e Duca degli Abruzzi. Da venerdì scorso, accanto ai lavandini, ci sono due contenitori rosa con dentro gli oggetti più usati per l'igiene intima femminile durante le mestruazioni. «Nessuno di noi potrebbe mai pensare a un assorbente come a un bene di lusso - dice a MeridioNews Emma, studentessa di 17 anni che fa parte del gruppo - eppure in Italia sono tassati al 22 per cento, come se lo fossero». 

Una scatola di cartone riciclato, colorata o foderata di un rosa acceso, con in basso al centro un foro ritagliato. «Prendine uno se ne hai bisogno, lasciane uno se puoi», è la scritta accanto al logo di Lps. «Noi pensiamo che gli assorbenti siano un bene di prima necessità e, in quanto tali, debbano essere messi a disposizione di tutte». Dopo questi due plessi, (oltre al liceo scientifico Boggio Lera dove il contenitore era già stato installato qualche tempo fa) il progetto dovrebbe allargarsi a breve anche ad altri istituti. «In programma c'è già di attaccarli alle pareti dei bagni del liceo artistico Lazzaro e del convitto Mario Cutelli», anticipa la giovane. 

Alcuni dirigenti scolastici hanno accolto tiepidamente l'iniziativa degli studenti, senza autorizzarlo e senza rimuoverlo dopo l'installazione. Ad altri presidi l'idea è piaciuta al punto che «ci hanno proposto di sostituire la scatola di cartone con un contenitore più stabile di metallo - racconta la giovane - come nel caso dell'istituto Principe Umberto di Savoia dove sarà la scuola a sostenere le spese della sostituzione».

In questi pochi giorni, qualcuno ha già lasciato degli assorbenti sfusi e altre ragazze hanno potuto usufruito del servizio. «Lo spirito con cui abbiamo pensato a questo progetto - spiega Emma - è quello di uno spirito di solidarietà femminile». Non solo una questione strettamente economica, dunque, ma anche legata al tabù che il ciclo rappresenta ancora oggi. «Per molte ragazze - aggiunge - è ancora imbarazzante chiedere un assorbente in classe con il rischio che anche i compagni maschi possano sentire». Il contenitore è una soluzione semplice, «nessuno arrossisce a infilare la mano nella fessura per prendere o lasciare un assorbente», conclude la studentessa di Lps convinta che «la vera liberazione sarà quando non ci vergogneremo più di domandarlo in pubblico se lo abbiamo dimenticato e ci serve». 

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

Combine Catania

Dall'arresto dei vertici della squadra rossazzura alla reazione dei tifosi e della città

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere su smartphone e tablet le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews