Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Mafia a Belpasso, città soffocata dal pizzo a tappeto
Bar, gioielleria e pure una società di celle frigorifere

Tra i retroscena dell'operazione Black Lotus ci sono decine di estorsioni, tra consumate e tentate. A spartirsele sarebbero stati Carmelo Navarria, poi diventato pentito, e Giuseppe Felice, appartenente al gruppo di San Pietro Clarenza

Dario De Luca

Mentre lo storico boss Carmelo Navarria era in prigione, un uomo avrebbe raccolto la sua eredità nel nome della famiglia di Cosa nostra dei Santapaola-Ercolano. L'identikit, tracciato dai carabinieri nelle carte dell'inchiesta antimafia Black Lotus, è quello di Giuseppe Felice. Ufficialmente reggente a San Pietro Clarenza e Barriera ma capace, secondo l'accusa, di arrivare anche a Belpasso. L'egemonia schiacciante, nella città del fico d'india, sarebbe dimostrata dal libro mastro delle estorsioni passato da un mafioso all'altro anche per diversi anni nonostante i continui arresti. Nell'elenco del pizzo ci sono tre noti bar, una società di Piano Tavola che si occupa di produrre celle frigorifere per camion, ma anche una gioielleria, un negozio di abbigliamento, una ditta che si occupava di raccolta rifiuti e diverse società attive nel campo dell'edilizia. 

Se si mettono le macchinette sul territorio di un altro gruppo si deve pagare al gruppo ospitante

E se alcuni imprenditori non si sono piegati, denunciando subito le visite indesiderate ai carabinieri, ad altri è toccato il pesante fardello dell'accusa di favoreggiamento. Spremuti ogni mese della richieste di boss e picciotti ma nonostante questo trincerati dietro ricordi offuscati una volta convocati in caserma. Lo spartiacque in questa storia è individuabile nel 2014, anno in cui Navarria viene scarcerato e decide di ritornare a Belpasso con il ruolo di reggente dei Santapaola. Sulla sua strada trova però Giuseppe Felice, inserito nella stessa famiglia mafiosa ma vicino al gruppo degli Ercolano. Una contrapposizione sanata qualche mese dopo durante un summit, con Navarria che prende in mano pieni poteri. La sua leadership su Belpasso dura però appena 14 giorni perché il boss il 20 novembre 2015 viene arrestato, diventando qualche anno dopo addirittura collaboratore di giustizia seguito a ruota dal genero Gianluca Presti.

Tra le estorsioni maggiormente contese ci sarebbe stata quella al bar Dolce Venere. La quota pizzo, per un ammontare di 200 euro, avrebbe compreso pure una parte da destinare al gruppo mafioso di Acireale per l'installazione di alcune slot machine. «Se un gruppo colloca delle macchinette sul territorio di un altro - racconta a verbale Navarria - deve pagare una somma di denaro al gruppo ospitante. Ho protestato con Francesco Santapaola e poco tempo dopo il proprietario del bar per conto della ditta delle macchinette ha iniziato a pagare 250 euro al mese». Alla fine per entrare nell'estorsione Navarria ideò di spargere la voce di avere una quota nell'attività, così da tenere a distanza i rivali. 

Cosa ti avevo detto? Almeno mi dovevi fare trovare mille euro

Tra i taglieggiati sarebbero finiti anche i bar Settemila Caffè e Paradise, entrambi a Belpasso. In particolare nel periodo di Natale l'estorsione da quest'ultimo sarebbe stata corrisposta regalando al clan ceste di prodotti tipici. Stesso discorso per il titolare della concessionaria Motor System. Secondo i documenti dell'inchiesta i Santapaola avrebbero sondato la volontà degli imprenditori belpassesi inviando decine di lettere minatorie, con tanto di proiettili, richieste di denaro - pari a 60mila euro - e l'indicazione di «cercarsi l'amico». Uno di questi biglietti, a febbraio 2016, era stato lasciato davanti il cancello della ditta Balestrieri Appalti, originaria di Gragnano, in provincia di Napoli, ma impegnata a Belpasso per la raccolta dei rifiuti. Il piano però in questo caso non è andato a buon fine per il netto rifiuto della vittima.

Discorso diverso per i 400 euro mensili che la ditta Jasira di Piano Tavola era costretta a versare in rate trimestrali da 1200 euro.  Specializzata nella costruzione di furgoni isotermici e finita al centro di alcuni dialoghi intercettati. «Cosa gli hai detto al frigorifero?», chiedeva il presunto reggente di Belpasso a un suo picciotto: «Gli dissi "Salvuccio, non ci siamo. Cosa ti avevo detto? Almeno mi dovevi fare trovare 1000 euro"». Il nome contenuto nell'intercettazione, secondo gli investigatori, corrisponderebbe a quello di Salvo Sorbello, responsabile del reparto tecnico di produzione e anche lui indagato per favoreggiamento poiché «ha negato di essere sottoposto ad estorsione». 

I furti e i continui danni, invece, avrebbero messo «in una fase di stallo» l'estorsione al negozio d'abbigliamento Gente di moda. A parlare in questo caso è il collaboratore di giustizia Antonio Prezzavento. «È un'estorsione in atto da lungo tempo - si legge in un verbale - Sia la madre di Pietro Stimoli che il figlio in passato avevano preso della merce senza pagarla e il titolare aveva cercato di detrarre l'importo del vestiario non pagato da quello dell'estorsione». Merce non pagata e pizzo pure per la gioielleria Idea Oro. In questo caso, come emerge dall'ordinanza di custodia cautelare dell'operazione, l'estorsione risalirebbe nel tempo ma a questa attività è legato anche un aneddoto particolare. Il boss Navarria avrebbe preso due fedi nuziali al prezzo di 450 euro, lasciando al titolare come acconto meno della metà di quanto dovuto. Da quel giorno il capomafia però non si è fatto più vedere.  

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

Combine Catania

Dall'arresto dei vertici della squadra rossazzura alla reazione dei tifosi e della città

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere su smartphone e tablet le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews